Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
24 giu 2022

Un investimento di 11 milioni per rimettere a nuovo il depuratore

L’impianto del Pravaccio migliorerà le sue capacità di depurazione delle acque reflue. "Faremo un regalo all’ambiente"

24 giu 2022

Undici milioni di euro per il rifacimento completo dell’impianto di depurazione del Pravaccio, che ha sede a Varese in via Friuli. A tanto ammonta l’investimento di Alfa srl, suddiviso in due distinti lotti. Il primo, da 2 milioni e mezzo, ha già preso il via e si concluderà alla fine dell’estate. Si tratta di opere relative al nuovo sistema di filtrazione, all’installazione della disinfezione con raggi ultravioletti e della sezione disidratazione fanghi, con la relativa centrifuga. La seconda e più importante tranche di lavori, per un importo di oltre 8,3 milioni di euro, inizierà invece nei primi mesi del 2023. La gara d’appalto è stata aperta a inizio giugno e si chiuderà il 20 luglio. Termine lavori previsto per il 2025. Gli interventi interesseranno tutte le sezioni dell’impianto, che saranno sottoposte a un rifacimento completo o un ammodernamento, da quelle in ingresso (grigliatura, sabbiatura e disoleatura) fino al cuore del processo (sedimentazione e ossidazione) e alla parte finale di filtrazione e disinfezione. "Il Pravaccio - ha spiegato il presidente di Alfa Paolo Mazzucchelli - è un impianto che necessita di un revamping importante. I lavori procederanno sezione per sezione e il depuratore nel frattempo continuerà a funzionare.

Al termine potremo dire che anche Varese avrà un impianto di depurazione all’interno dei nuovi standard europei". Una buona notizia anche per l’amministrazione comunale. "Siamo contenti – ha detto il primo cittadino Galimberti – di questo intervento che va a vantaggio dell’ambiente e della sostenibilità". L.C.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?