Il taglio del nastro dell'impianto
Il taglio del nastro dell'impianto

Induno Olona (Varese), 12 marzo 2019 –  È stato il governatore Attilio Fontana a tagliare il nastro ieri sera per l’inaugurazione di una tecnologia che caratterizzerà il futuro produttivo di una storica realtà Varesina. Al birrificio Carlsberg è stato ufficialmente presentato l’innovativo impianto di pastorizzazione flash. Una novità all’insegna della sostenibilità ecologica. «Il nuovo impianto – ha infatti spiegato il production director del birrificio Diego Volpi - avrà un impatto minore sui consumi, un risparmio del 10% per quanto riguarda l’acqua, la corrente e il gas da noi utilizzati nel processo produttivo».

L’implementazione del pastorizzatore flash comporterà un notevole miglioramento nelle performance ambientali di Carlsberg anche grazie alla riduzione dei tempi necessari per il completamento del processo. L’innovazione migliorerà anche l’esperienza dei consumatori, visto che ora sarà garantito l’abbattimento di microrganismi potenzialmente dannosi, con innalzamento degli standard di qualità e proprietà organolettiche. Avranno così modo di gustare una birra più buona e meno “impattante” sull’ambiente gli appassionati che acquisteranno parte dei 900mila ettolitri prodotti in bottiglia e dei 350mila che invece vengono messi nei fusti in partenza ogni anno dallo stabilimento di Induno. «Ringrazio il Presidente Fontana per aver preso parte a questo importante momento per la storia della nostra azienda - ha dichiarato Alberto Frausin, amministratore delegato di Carlsberg Italia - La sua presenza simboleggia il gradimento delle istituzioni nei confronti dell’impegno della nostra azienda anche a favore del territorio».

Il dirigente ha poi sottolineato come «l’investimento nel nuovo impianto di pastorizzazione flash testimoni l’importanza assegnata ai temi della sostenibilità dall’azienda. Il nuovo impianto, infatti, garantisce la competitività e l’eccellenza qualitativa del nostro storico stabilimento». Un ulteriore tassello che si inserisce in quel percorso di sostenibilità che Carlsberg ha intrapreso nel 2017 con “Together Towards Zero”, la strategia con la quale il gruppo danese sta contribuendo al raggiungimento degli standard indicati dalle Nazioni Unite, obiettivi ambientali da raggiungere entro il 2030. All’inaugurazione dell’impianto di pastorizzazione ha fatto seguito quella del nuovo negozio del birrificio, una sintesi architettonica di quello che i visitatori troveranno nello storico stabilimento Poretti. Frutto d’un concorso, il nuovo negozio ricorda i sia a livello estetico sia nei materiali, la struttura liberty che è marchio di fabbrica del birrificio indunese. Anche qui è stato realizzato un progetto attento all’ambiente. Nel negozio, infatti, sono impiegate tecnologie ad alta efficienza energetica per la climatizzazione, la produzione di acqua calda sanitaria e l’illuminazione. L’impianto a Led, per esempio, è programmato per adattare automaticamente l’intensità luminosa alle condizioni di luce ambientale.