Sommozzatori dei vigili del fuoco
Sommozzatori dei vigili del fuoco

Porto Valtravaglia (Varese), 5 luglio 2018 - Tragico epilogo nelle ricerche dell'uomo che oggi pomeriggio si è ribaltato con il gommone ed è scomparso in acqua, nel braccio del lago Maggiore che si stende davanti al cantiere nautico di Porto Valtravaglia. La speranza  si è spenta intorno alle 20.30, quando il corpo del 75enne, originario di Castelveccana ma residente a Milano, è stato ritrovato dai sommozzatori dei vigili del fuoco a 27 metri di profondità, a largo di Punta Molino.

L'allarme è stato lanciato da alcuni passanti che hanno assistito alla scena dalla riva. Gli addetti a un vicino cantiere nautico hanno tentato inutilmente di soccorrere l'uomo. Sul posto sono intervenuti gli specialisti del soccorso acquatico del distaccamento di Luino con un'imbarcazione natante e gli aereosoccoritori del reparto volo Lombardia, a bordo dell'elicottero "Drago 82".  Da Milano sono inoltre arrivati i sommozzatori. Le ricerche sono continuate anche con il buio. A quelle profondità, infatti, l’oscurità è costante. Fino al drammatico esito. Le indagini sull'accaduto sono affidate ai carabinieri della compagnia di Luino (Varese).