Le crocerossine di Busto Arsizio

Busto Arisizio (Varese), 8 ottobre 2018 - Un appello rivolto soprattutto alle giovani, a lanciarlo sono le crocerossine, le infermiere volontarie della Cri dell’ispettorato di Busto Arsizio: c’è bisogno dell’impegno delle “nuove leve” per dare linfa e continuità a questo volontariato davvero speciale. «La figura della crocerossina – dice Beatrice Signorelli, ispettrice bustese – non è un’icona del passato, l’infermiera volontaria è sempre pronta ad aiutare il prossimo negli ospedali, negli ambulatori cittadini, sulle autoambulanze, nei centri di accoglienza, nelle missioni all’estero, nelle emergenze, è una figura al passo con i tempi, di cui c’è bisogno». L’ispettorato bustese di via Castelfidardo ha aperto le iscrizioni al corso per infermiere volontarie, l’auspicio è che arrivino molte adesioni. L’iniziativa è rivolta a donne dai 18 ai 55 anni, con diploma di maturità. «Ci rivolgiamo soprattutto alle donne giovani – continua l’ispettrice - è una grande opportunità per conoscere e impegnarsi in questo volontariato qualificato». Il corso è biennale, le lezioni si tengono tre volte alla settimana. L’auspicio è che nelle prossime settimane arrivino adesioni proprio dalle giovani.