Varese, 16 maggio 2018 - Una commerciante asiatica, residente nel Varesotto, è stata denunciata dalla Guardia di Finanza di Saronno per omessa presentazione della dichiarazione dei redditi e dell'Iva. La donna, dal dal 2013 al 2017, avrebbe sottratto a tassazione redditi per oltre 1,2 milioni di euro, evadendo oltre 250 mila euro di Iva, acquistando da note boutique milanesi e imprese italiane di abbigliamento di prestigiose firme, che rivendeva anche all'estero, in particolare negli Emirati Arabi, il cui guadagno proveniente sarebbe stato trasferito su conti correnti italiani o attraverso ricariche di carte di debito a lei intestate. Avrebbe omesso di dichiarare quei redditi fingendo di essere residente in Kuwait, dopo essersi iscritta all'Anagrafe degli italiani residenti all'estero e beneficiando di tassazione agevolata, con la collaborazione di alcuni familiari.

I finanzieri varesini l'hanno scoperta esaminato i suoi movimenti finanziari, dai quali è emerso che nonostante la residenza estera la commerciante svolgeva la sua attività in provincia di Varese, dove risiede con la famiglia, e che aveva effettuato investimenti immobiliari.