Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
14 giu 2022

Cassano Magnago, niente sindaco Giochi aperti sino ai supplementari

Al primo turno ha votato il 49,79% dei cassanesi, con un calo del 5% rispetto a cinque anni fa. La sfida al ballottaggio è tutta nel centrodestra, tra ex alleati, dopo la spaccatura della maggioranza

14 giu 2022
rosella formenti
Cronaca
I cittadini di Cassano Magnago si danno appuntamento al parco della Magana. Ora. è attesa per il nuovo sindaco
I cittadini di Cassano Magnago si danno appuntamento al parco della Magana. Ora. è attesa per il nuovo sindaco
I cittadini di Cassano Magnago si danno appuntamento al parco della Magana. Ora. è attesa per il nuovo sindaco
I cittadini di Cassano Magnago si danno appuntamento al parco della Magana. Ora. è attesa per il nuovo sindaco
I cittadini di Cassano Magnago si danno appuntamento al parco della Magana. Ora. è attesa per il nuovo sindaco
I cittadini di Cassano Magnago si danno appuntamento al parco della Magana. Ora. è attesa per il nuovo sindaco

di Rosella Formenti

Il nuovo sindaco a Cassano Magnago sarà deciso al ballottaggio, la partita finale è una sfida nel centrodestra, tra Pietro Ottaviani candidato della Lista Poliseno e di Fratelli d’Italia e Osvaldo Coghi, appoggiato da Forza Italia e Lega. Non è quindi conclusa la campagna elettorale a Cassano Magnago dove al primo turno ha votato il 49,79% dei cassanesi, con un calo del 5% rispetto a cinque anni fa: nel quinto comune della provincia di Varese, l’unico con oltre 15 mila abitanti tra i dieci andati alle urne domenica 12 giugno, si va dunque ai tempi supplementari per il rinnovo dell’amministrazione locale. All’appuntamento del 12 giugno si sono presentati cinque candidati sindaci, sette i simboli nelle schede, centododici gli aspiranti consiglieri comunali, a caratterizzare questa tornata elettorale la spaccatura della maggioranza di centrodestra uscente, da una parte il presidente del consiglio comunale Pietro Ottaviani, sostenuto dalla lista Poliseno, ispirata dal sindaco uscente Nicola Poliseno (al secondo mandato e pertanto non ricandidabile) e da Fratelli d’Italia, dall’altra invece il vicesindaco Osvaldo Coghi, appoggiato da Forza Italia, e dalla Lega. Gli altri candidati erano Stefania Passiu con la civica di Cassano Futura , per il centrosinistra il segretario del Pd locale e consigliere comunale uscente Tommaso Police con la lista "Tommaso Police sindaco" e Rocco Dabraio, con Progetto Cassano 2032. Nel pomeriggio di ieri, a tre ore dall’inizio dello spoglio, il primo dato sicuro: il successore di Poliseno sarà deciso il 26 giugno. Nessuno dei candidati , era chiaro, avrebbe raggiunto il 50% più uno dei voti per essere eletto al primo turno, il nome del primo sfidante quello di Pietro Ottaviani, presidente del consiglio comunale uscente, sostenuto dalla lista che porta il nome di Nicola Poliseno e da Fratelli d’Italia, che staccava gli altri. Nel tardo pomeriggio si delineava anche il secondo nome, quello di Osvaldo Coghi (Forza Italia e Lega). La sfida al ballottaggio è dunque tutta nel centrodestra, tra ex alleati, da una parte Ottaviani, presidente del consiglio comunale uscente che al primo turno ha ottenuto il 35,61%, seguito da Coghi con il 20,37% delle preferenze, Police con il 18,75%, Dabraio con il 15,92% e Passiu con il 9,35%.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?