Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
6 mag 2022

Busto, l’ospedale unico si farà Fontana: opera all’avanguardia

Il presidente della Regione ha confermato il maxi-progetto: costerà circa 350 milioni di euro

6 mag 2022
rosella formenti
Cronaca
Il governatore lombardo, Attilio Fontana, all’inaugurazione a Gallarate
Il governatore lombardo, Attilio Fontana, all’inaugurazione a Gallarate
Il governatore lombardo, Attilio Fontana, all’inaugurazione a Gallarate
Il governatore lombardo, Attilio Fontana, all’inaugurazione a Gallarate
Il governatore lombardo, Attilio Fontana, all’inaugurazione a Gallarate
Il governatore lombardo, Attilio Fontana, all’inaugurazione a Gallarate

di Rosella Formenti

Regione Lombardia continua a investire sui presidi ospedalieri dell’Asst Valle Olona. L’altro giorno due inaugurazioni: a Busto Arsizio il nuovo acceleratore lineare, a Gallarate gli spazi riqualificati della Rianimazione. Un doppio taglio del nastro alla presenza del governatore lombardo Attilio Fontana e del presidente della commissione regionale della sanità Emanuele Monti che è stato l’occasione per presentare il meta progetto (l’ipotesi in 3D) del nuovo ospedale unico che sarà realizzato nel rione bustese di Beata Giuliana, nell’area tra via Sella, viale Stelvio e il Sempione. Un progetto la cui importanza è stata sottolineata ancora una volta dal presidente Fontana.

"Sarà un’opera all’avanguardia – ha detto – dal punto di vista tecnologico e questo è fondamentale per la qualità della sanità che dovremo continuare ad offrire ad alto livello e sarà anche molto bella, circondata dal verde". Confermati i costi: 320-350 milioni di euro, finanziati da Regione Lombardia. Con la presentazione dell’altro giorno già si comincia a intravedere come sarà il nuovo polo sanitario (900 posti letto) per il quale sono previsti 35mila mq coperti per 135mila metri quadrati di superficie complessiva e 90mila metri quadrati di verde. A disposizione 2.680 posti auto su due parcheggi, per il personale e per gli utenti. Secondo l’idea dei professionisti incaricati del progetto la struttura avrà una forma a L, l’accesso principale sarà su via Quintino Sella, meno trafficata rispetto al Sempione, il secondo accesso invece dal Sempione sarebbe riservato ai dipendenti e agli operatori. Sempre secondo l’ipotesi illustrata l’altro giorno il lato più grosso della struttura a L dovrebbe essere parallelo al Sempione e al viale Stelvio, accogliendo la parte destinata alla diagnostica e alle degenze. L’iter è ancora lungo ma rispetto al passato la situazione si è sbloccata e come ha rassicurato Fontana l’altro giorno il nuovo ospedale, tra i più importanti investimenti della Regione, " si farà".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?