Corsico (Milano),16 agosto 2018 - Bandiere a mezz'asta e drappo nero: Corsico è in lutto per la scomparsa di Angela Zerilli, 58enne, una delle vittime del crollo del ponte Morandi, avvenuto nella tarda mattinata di martedì, a Genova. Il suo corpo è stato restituito dalle macerie dopo l'intervento incessante dei soccorritori che da due giorni sono impegnati sul luogo della tragedia. La notizia è arrivata ieri, gelando l'intera comunità corsichese: la funzionaria di Regione Lombardia, infatti, nel comune del sud Milano era cresciuta. La sua famiglia, fino agli anni 80-90 gestiva un negozio di frutta e verdura sul ponte di Corsico, vicino a tanti altri negozietti di vicinato che oggi non ci sono più. Qui, aveva le amicizie più care, quelle che le sono state vicine durante i momenti difficili come la separazione o la perdita della mamma, solo pochi mesi fa. Nel suo appartamento a pochi passi dal centro viveva sola; a farle compagnia il suo gatto, una delle sue grandi passioni.


“A nome di tutta l'amministrazione di Corsico porgo le più sentite condoglianze ai famigliari della nostra concittadina vittima del crollo del Ponte Morandi – spiega il vicesindaco Amos Pennati – Una tragedia che ha colpito anche la nostra comunità e per questo ci stringiamo nella preghiera per Angela e per tutte le altre vittime”. Vacanze “maledette” per la corsichese che non viaggiava sola: le prossime ore dovrebbero svelare chi ha affrontato con lei quegli ultimi drammatici momenti.