La villetta presa di mira
La villetta presa di mira

Cusago (Milano), 5 dicembre 2018 - La rapina messa a segno lunedì sera da un commando di tre malviventi armati di fiamma ossidrica ha seminato il panico a Cusago. Mentre i carabinieri hanno dato il via alle indagini per identificare gli uomini che con il volto coperto e un forte accento dell’Est Europa hanno chiuso la proprietaria di casa in cantina e saccheggiato dalla cassaforte 10mila euro tra soldi e gioielli, i residenti della cittadina, circa 4.000 anime, sono increduli. "Sono andati a colpo sicuro", commentano. Intanto i militari sono al lavoro e oltre ai rilievi effettuati potrebbero trovare qualche elemento utile nelle telecamere di sicurezza che l’amministrazione ha installato sul territorio.

"Da poco sono stati investiti 42mila euro per il potenziamento della videosorveglianza e a breve seguirà uno stanziamento di 45mila euro per migliorare quelle telecamere che sono state installate per la lettura delle targhe, ampliando così la loro funzione a presidio territoriale come già avviene per le altre - dicono il sindaco Daniela Pallazzoli e l’assessore alla Sicurezza, Gianni Triulzi -. Presidiare il territorio con l’ausilio di questi strumenti permette a volte la cattura di chi ha commesso un crimine, dato che lo si può individuare grazie alle riprese che sono a disposizione delle forze dell’ordine. Speriamo sia questo il caso".