Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Corsico, brasiliano si tuffa nel Naviglio e salva donna: "Nessuno agiva"

Parla il 37enne eroe che ha ripescato una donna nel canale

di FRANCESCA GRILLO
Ultimo aggiornamento il 4 settembre 2018 alle 07:08
Drick Candido, 37 anni, nel punto in cui si è lanciato in acqua per salvare una donna

Corsico (Milano), 4 settembre 2018 - «Tutti guardavano, nessuno agiva. Ci ho pensato meno di un secondo, e mi sono buttato». Non ha esitato un istante, ha visto un corpo in acqua, galleggiare sulla superficie, e si è lanciato. L’eroe ha 37 anni, viene dal Brasile, si chiama Drick Candido. Un uomo come tanti, che ha cercato fortuna in Italia e ha trovato «una terra accogliente, ma non è stato facile», racconta. Mercoledì scorso, sotto gli occhi di chi guardava il corpo della donna annegare, si è tuffato in acqua e l’ha ripescata.

Cosa è successo?

«Verso mezzogiorno sono passato con la macchina da Corsico, lungo il Naviglio, all’altezza dell’Alzaia Trieste. Ho visto un gruppo di persone che si sbracciavano, sulle sponde. Ho rallentato e ho visto il corpo di una donna che galleggiava sull’acqua».

E poi cosa ha fatto?

«Ho fermato la macchina, mi sono messo a correre. Mi sono tolto la maglietta e mi sono buttato. Nessuno faceva nulla, erano immobili. Non ci ho pensato molto, mi sono lanciato verso la donna. L’ho raggiunta e mormorava qualcosa sulla morte. Si era buttata volontariamente, ma in acqua forse si era pentita e gridava non voglio morire».

Come ha fatto a salvarla?

«L’ho trascinata verso la riva, dove altre persone poi mi hanno aiutato a tirarla fuori dal canale. L’acqua era profonda in quel punto, almeno due metri. Non toccavo. Ma per fortuna poi sono riuscito ad afferrarla per la maglia e a metterla in salvo. L’hanno portata via in ambulanza, ma stava bene».

Cosa l’ha spinta a buttarsi?

«Credo sia un dovere di tutti aiutare chi è in difficoltà. So cosa significa passare un brutto momento, affrontare i problemi spesso non è facile. Io vengo da un paesino in Brasile, Aimorés. Siamo dieci fratelli e sorelle, i miei genitori hanno fatto tanta fatica per crescerci, si viveva in campagna, non c’era ricchezza. Noi abbiamo iniziato a darci da fare da piccoli».

Cosa facevate per mantenervi?

«Un po’ di tutto, io da bambino mungevo le mucche, poi ho servito ai tavoli e sono stato in cucina. Da giovane, quando mi sono trasferito a Rio de Janeiro ho provato anche la carriera da calciatore».

E come è andata?

«Ero bravo, promettente, ma poi mi sono infortunato e ho dovuto smettere di giocare. Dieci anni fa sono arrivato in Italia. Ho trovato una bella accoglienza, mi sono dato subito da fare e ho trovato lavoro in un’azienda di giardinaggio di Buccinasco. Vivo a Milano, ma mi capita sempre di lavorare tra Corsico, Cesano e Trezzano. Mi piace qui».

Un tempo ambiva a fare il calciatore, ora qual è il suo sogno?

«Creare una famiglia con la mia fidanzata. Sono venuto in Italia per cercare di migliorare la mia vita, trovare un lavoro e aiutare i miei, soprattutto dopo la morte di mio papà. In Brasile, soprattutto in certe aree, c’è tanta povertà, non c’è futuro. Spero comunque di poterci tornare, anche se l’Italia è la mia seconda casa. Anche per questo quando vedo qualcuno qui in difficoltà cerco sempre di aiutarlo».

Un po’ come ha fatto con la donna finita nel Naviglio.

«Sì, è come se mi fossi sentito in dovere di fare qualcosa, come se vivessi con questo spirito di riconoscenza che mi spinge a tendere la mano. Forse dovrebbero cercare di vivere tutti così, pensando che sia doveroso aiutare il prossimo. Sarebbe un mondo migliore».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.