ct De Giorgi
ct De Giorgi

Dopo il traguardo raggiunto dal volley femminile, con la Nazionale incoronata campione d'Europa e le ragazze di coach Davide Mazzanti vittoriose in casa della Serbia, ora tocca ai pallavolisti azzurri esultare. L'Italia è in semifinale agli Europei maschili di volley. La Nazionale di Ferdinando De Giorgi ha battuto 3-0 (25-13, 25-18, 25-19) la Germania allenata da Andrea Giani nel match dei quarti che si è disputato a Ostrava, in Repubblica Ceca. Gli azzurri conquistano così l'accesso alle semifinali della 32esima edizione dei Campionati Europei. Sabato 18 settembre affronteranno a Katowice, la Serbia campione in carica. L'Italia - si legge in una nota della Federvolley - torna così tra le migliori quattro del Vecchio Continente a sei anni di distanza dall`ultima volta (2015 finali a Sofia dopo la prima fase co-organizzata da Italia e Bulgaria). Per la nazionale maschile si tratta della 15esima volta nella sua storia. Il Ct Ferdinando De Giorgi e i suoi ragazzi, grazie ai sette successi consecutivi, hanno conquistato un obiettivo davvero sensazionale per una squadra presentatasi ai nastri di partenza con ben otto esordienti nella manifestazione.

De Giorgi:  "La maglia azzurra torna tra le migliori 4 in Europa"

Soddisfatto il ct dell'Italvolley, Ferdinando De Giorgi: "Siamo chiaramente felici anche per il percorso che abbiamo fatto giocando davvero una buona partita. Siamo contenti non solo per noi ma anche per la stessa maglia azzurra che torna tra le migliori quattro in Europa. I ragazzi sanno che nella nostra testa ora non deve cambiare nulla, ma dobbiamo andare lì  cercando di giocare la nostra migliore pallavolo e vedere se sarà sufficiente per tagliare traguardi importanti - spiega l'ex palleggiatore azzurro - Oggi non era facile, ma siamo stati bravi a limitare i loro punti di forza e a contenerli mantenendo il nostro ritmo sempre molto alto. E' importante la crescita di alcuni ragazzi in termini di personalità durante la gara e durante l'intero torneo. Stanno risolvendo da squadra alcune situazioni difficili. Ora ci attende la Serbia - conclude De Giorgi - e sicuramente non sarà facile ma noi dovremo andare lì ed esprimerci al massimo delle nostre possibilità. Poi vedremo cosa succederà".