Mara Venier
Mara Venier

Tutto pronto per la nuova edizione di "Domenica In", nuovamente targata Mara Venier ("Non avrei mai pensato di eguagliare il maestro Pippo Baudo"). La prima puntata dell'edizione 2021/22 sarà questa domenica, 19 settembre. "Ogni anno, quando finisce il programma, dico 'è l'ultima voltà, perché è faticoso. Ma la verità è una sola: ci rifletto e penso che potrei dire di no a tutto, ma non a Domenica In. E infatti eccomi ancora qui. Certo potrei anche fare altro in futuro". In un'intervista al settimanale "Oggi" ha parlato delle difficoltà fisiche attraversate negli ultimi mesi: "Faccio una fatica bestiale: ho una morsa che mi crea una grande difficoltà di eloquio. E tante parole non riesco a pronunciarle".

"Domenica in è un programma faticoso e lungo e merita una riflessione che però, in realtà, faccio tutti gli anni. La verità - ha detto la conduttrice - è che a 'Domenica in' non so dire di no perché è il programma che mi ha dato tutto. Prima ero considerata la ragazza di Renzo Arbore, facevo un po' di cinema in maniera maldestra, ho sempre creduto molto poco in me e ho sempre accettato il lavoro per guadagnare due lire. Non avrei mai immaginato che mi avrebbe dato così tanto". Cosa le ha dato? "L'affetto del pubblico che non mi ha mai fatto sentire sola nemmeno quando mi hanno tolto i programmi. Allora dico: sono stanca, ho un'età ma, alla fine, dico sempre di sì". In alternativa a 'Domenica in', però, si potrebbe trovare qualcos'altro: "Ma deve essere sempre un programma in cui ci sia anima, l'intrattenimento puro non fa per me. Così come non farei il sabato sera perché io devo stare seduta".

Da domenica 19 settembre, dalle 14 alle 17.10 su Rai1, in diretta dagli Studi «Fabrizio Frizzi» di Roma, prenderà il via la tredicesima edizione del programma della domenica pomeriggio, condotto per il quarto anno consecutivo dalla Venier che eguaglia così le stagioni condotte da Pippo Baudo. Il direttore di Rai1 Stefano Coletta, nel corso della presentazione del contenitore domenicale alla stampa tiene a sottolineare: "Mara è l'identità del pubblico dell'ammiraglia e del servizio pubblico, capostipite del linguaggio vero, autentico che coinvolge tutti i target. Tra i 15 e i 24 anni fa il 15% di share. Sorride, si commuove, è umana, attenta a ogni dettaglio, davanti a Mara parlano pure le pietre". E insiste: "Non si dice hai visto Domenica in, ma hai visto Mara. È un caso in cui il volto supera il marchio".

In questa nuova edizione sarà dato ampio spazio all'intrattenimento, ma sempre con un occhio attento all'attualità, con interviste e approfondimenti sui temi caldi della settimana: dall'andamento della campagna vaccinale al green pass, ai casi di cronaca più significativi. Tornerà anche don Antonio Mazzi, 92enne, almeno una volta al mese con un suo spazio: "È come un padre per me, anche spirituale", dice la conduttrice. Nella prima puntata si ricorderà Raffaella Carrà con ospite Loretta Goggi. Prevista la presenza di Mahmood. Quest'anno nelle prime due puntate Venier avrà di fronte la corazzata della sua amica Maria De Filippi, con Amici. "Maria mi ha chiamato, è stata molto carina".