Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

L’Italia che cambia in cerca di una guida

L’Italia è “Un Paese senza leader”

di ANTONIO CALABRO'
Ultimo aggiornamento il 25 febbraio 2018 alle 08:48

Milano, 25 febbraio 2018 - L’Italia è “Un Paese senza leader”, per usare l’efficace titolo del libro di Luciano Fontana, direttore del Corriere della Sera, Longanesi. L’immagine in copertina è d’un carrozzone sull’orlo del baratro: incisiva vignetta di Giannelli. Venticinque anni dopo l’inizio della cosiddetta “seconda Repubblica” e alla vigilia di elezioni politiche dall’esito incerto, è tempo di bilanci. Fontana analizza scelte e fragilità del centro sinistra, del centro destra e dei 5Stelle (grazie anche all’originalità di testimonianze dirette dei capi dei tre schieramenti, Renzi, Di Maio e Berlusconi-Salvini) e documenta le riforme mancate e le incompiute risposte alla trasformazioni sociali e civili. L’Italia avrebbe bisogno d’una classe dirigente capace di buon governo e di visione di sviluppo, nel contesto dell’Europa. Peccato che la politica attuale sia sovrabbondante soprattutto di parole. E dopo le elezioni? La speranza finale, con critico ottimismo, è che si farà di tutto per evitare il baratro: “Non può finire così”. 

Per capire come sia comunque cambiato il Paese, ci si può affidare alle pagine di “Nostra incantevole Italia” di Pino Corrias, Chiarelettere. Cronache ruvide e ironiche, che partono dalla strage mafiosa di Portella delle Ginestre, nel 1947 e arrivano ai tempi d’oggi, passando per scandali, terrorismo, crisi politiche ed economiche, festival di Sanremo e innovazioni culturali e televisive, figure politiche di diverso livello, da Moro ad Andreotti. Ci sono aspetti criminali, che segnano la storia. Ma anche scelte animate da spirito civile e senso della giustizia (le proteste dopo le stragi di Falcone e Borsellino, nel ‘92). Difficile, raccontare l’Italia da un solo punto di vista. Si mescolano drammi e “commedie all’Italiana”. Si ampliano i divari tra Nord e Sud. Le attitudini d’intraprendenza si mescolano, come Corrias racconta bene, con insofferenza per la legalità, ribellismo, individualismo familista. L’Italia è un pasticcio. Per leggere, da un altro punto di vista, le trasformazioni e le contraddizioni del Paese vale la pena di riprendere in mano “Viaggio in Italia” di Guido Piovene, appena ripubblicato da Bompiani. È un classico, quel racconto. Risultato di un peregrinare lungo tre anni, dal ‘53 al ‘56, da parte d’uno scrittore che aveva occhi di mondo (lavoro e vita a Londra e Parigi, un’originale esperienza di reportage negli Usa) e attenzione acuta per le pieghe più segrete della provincia (Mondadori, la prima edizione del 1957). E coglieva, da Bolzano alle saline di Trapani, i cambiamenti d’un Paese che s’era lasciato alle spalle lutti e macerie della guerra e stava costruendo il boom economico, diventando da contadino industriale e da provinciale urbano e metropolitano. Accanto al dinamismo sociale s’intravvedevano anche gli elementi negativi: “Un’Italia aculturale e affarista”. Quei primi anni Cinquanta fanno sentire la loro eco ancora oggi.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.