Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Non sono solo canzonette, la playlist della nostra vita

Una canzone è “leggera”, ma nel senso che Italo Calvino dava al termine. E la musica, se è bella, poco tollera recinti di genere ed entra nei territori della poesia, toccando l’intelligenza del cuore

di ANTONIO CALABRO'
Ultimo aggiornamento il 15 luglio 2018 alle 09:08

Milano, 15 luglio 2018 - «Ma che politica, che cultura/ sono solo canzonette...». Giocava con ironia, Edoardo Bennato, cantando nel 1980 una delle sue composizioni più dissacranti e divertenti. E sapeva naturalmente che le cose non stanno proprio così. Una canzone è “leggera”, ma nel senso che Italo Calvino dava al termine. E la musica, se è bella, poco tollera recinti di genere ed entra nei territori della poesia, toccando l’intelligenza del cuore. Lo raccontano Maurizio Stefanini e Marco Zoppas in “Da Omero al rock. Quando la letteratura incontra la canzone”, Il Palindromo. L’epica dei racconti lirici di Omero. I versi di Lorenzo de Medici nel “Trionfo di Bacco e Arianna”. E la straordinaria poesia di José Martí che diventa popolare in tutto in mondo con la musica di “Guantanamera”. E ancora le parole di Brecht cantate da Milva, l’”Orfeo negro” di Vinícius de Moraes e Bob Dylan con il Nobel per la letteratura. Poesia e musica rivelano dimensioni dell’anima che tengono insieme nostalgia e felicità.

Le canzoni sono soprattutto “Canzoni d’amore”, come documenta un bel libro di Luca Beatrice, Mondadori. Dicono poco d’allegria e molto d’abbandoni, tradimenti e dolore. E da Gino Paoli a Luigi Tenco, da Battisti all’”Eskimo” di Guccini, da Ornella Vanoni con “L’appuntamento” alla Mina di “Città vuota”, da De Gregori a Ligabue, ricordare canzoni e raccontarne aneddoti e interpretazioni vuol dire ripercorrere più di mezzo secolo di storia d’Italia e parlare della colonna sonora della vita di tanti e di ognuno di noi. Le vite sono, appunto, scandite dalla musica. Una canzone, la colonna sonora d’un film, una sonata per piano o una sinfonia, per dare corpo a emozioni, ritrovare ricordi. Severino Salvemini, economista bocconiano, uomo di sofisticata cultura, s’è divertito a chiedere a una serie di persone di raccontargli la loro playlist, per una brillante rubrica su “Sette” del “Corriere della Sera”. E adesso quegli elenchi sono raccolti in “Le liste degli altri - La musica amata da 139 italiani”, Castelvecchi. Ne viene fuori un ritratto di personalità rivelate da scelte musicali accompagnate da notazioni ironiche e affettuose. Pupi Avati sceglie, “L’anno che verrà” di Lucio Dalla, Natalia Aspesi “Il cielo in una stanza”, Enzo Bianchi, ex priore, uomo d’intensa spiritualità, “Ne me quitte pas” di Jacques Brel e soprattutto “Gracias a la vida... que me ha dado tanto”, parole di Mercedes Sosa, voce di Violeta Parra, emozionante come una preghiera sul calar della notte.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.