Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

I tempi giusti si imparano sui banchi

A scuola non si insegna la lentezza: si insegna a fare bene le cose e a usare il tempo che ci vuole.

di MARCELLO BRAMATI
Ultimo aggiornamento il 9 settembre 2018 alle 22:56

DOMANDA:

MIO FIGLIO sfoglia lentamente vocabolari e impiega ore per scrivere a mano. Ma oggi viviamo in un mondo dove tutto è connesso in tempo reale e le decisioni e le azioni devono essere rapide. Non è un controsenso imporre ai più piccoli comportamenti così diversi da quelli che saranno richiesti da grandi? Sabrina, Milano

RISPOSTA:

A SCUOLA non si insegna la lentezza. Si insegna a fare bene le cose e a usare il tempo che ci vuole. Le faccio un esempio: il bambino della primaria che riscrive la prima stesura del tema sul quaderno di bella copia, non fa due volte lo stesso lavoro. Fa due lavori, con finalità e tempidirealizzazione diversi. Ilbambino impara a prevedere quante risorse deve dedicare a un prodotto finale completo e curato nella sostanza e nella forma. Oltre al tempo, la scuolainsegnaaconcludere.Non serve scrivere un capolavoro di letteratura se non lo si consegna in orario. E lasoluzione del problema di matematicaè inutile se la campanella hasuonato e la professoressa è uscita. Un altro punto fondamentale è che la scuola deve favorire l’apertura, sviluppare la flessibilità e preparare a un mondo in rapida evoluzione. È stato così per la nostra generazione: la rivoluzione digitale è stata fatta da chi nativo digitale non è, a vantaggio di chi è venuto dopo. Aggiungo che una importante quota dei millennials farà un mestiere che oggi non esiste.È pertanto cruciale che da giovani abbiano acquisito un bagaglio culturale che consenta loro da grandi di abituarsi al nuovo, all’imprevisto, al non pianificabile. Infine, non si imparaatradurre, arisolvereunproblema complesso o a disegnare in un pomeriggio. Servono regole, consuetudini,metodi,sperimentazioni,esercizi, correzioni, ripetizioni, ripassi e verifiche. È così anche nella vita: un ragazzo che vuole migliorare a battere i calci di punizione sta lì, prova e riprova. Il controsenso è chiedere alla scuola di ottenere tutto e subito, addirittura senza troppo sforzo.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.