Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il Brasile di Stefano Bollani è l’Italia di Veloso

Album 'Que Bom', con Caetano, Bosco e Morelenbaum

di MARCO MANGIAROTTI
Ultimo aggiornamento il 26 luglio 2018 alle 08:56
Stefano Bollani

Milano, 26 luglio 2018 - Debutto per l’etichetta Alobar di Stefano Bollani. “Que bom” arriva dieci anni dopo “Carioca”, il suo primo disco di standard brasiliani con musicisti brasiliani, ma questa volta il canzoniere registrato con gli stessi compagni a Rio è suo, tranne un testo di Caetano Veloso e una canzone di Joao Bosco, un altro degli ospiti con Hamilton de Holanda (suo complice in tour) e Jacques Morelenbaum.

Il Brasile è il luogo perfetto per l’eclettismo classico popolare contemporaneo jazz di Stefano, perché appartiene all’anima cantautorale e colta della MPB. Linguaggi e anime a specchio. Come nella scelta della voce di Caetano Veloso per la sua “Nebbia a Napoli” (È per te che ho rubato la nebbia a Napoli e ho portato via il ghiaccio ai Tropici) e “Michelangelo Antognoni” di Caetano (Di pietra e vapore Amore Inutile finestra), due scritture poetiche che si parlano, un certain regard, il sequel per Veloso di “Giulietta Masina”. Tropicalismo ermetico e Paolo Conte. È come un festival del cinema italiano anni ‘50 e ‘60 a Rio, l’identità profonda della MPB che fa il viaggio di ritorno in nave verso il Vecchio Continente. Le colonne sonore di Piero Piccioni, milonghe sparigliate e virtuosi classici francesi, samba che affiora in “Accettare tutto”, meraviglioso jazz in “Que Bom” e “Olha a Brita”, il gioco di “Uomini e polli” o “Ho perduto il mio pappagallino”. Molto bello. Mar.Man

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.