Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Corona di spine di Meg per "Camorra"

Il docufilm presentato a Venezia e trasmesso in Rai

di MARCO MANGIAROTTI
Ultimo aggiornamento il 6 settembre 2018 alle 11:00
La cantautrice Meg

Milano, 6 settembre 2018 - Donne e  “Camorra”, il docufilm di Francesco Patierno presentato in questi giorni a Venezia e trasmesso poi su Raitre, ha la voce narrante di Meg che ha composto anche la colonna sonora e l'inedito “Corona di spine”. Ispirato ai filmati d'epoca, le interviste di Marrazzo ai bambini delle Teche Rai, da cui parte la ricerca storica e socio-antropologica di Patierno. «Sono cresciuta negli anni '80. Alle elementari andavo già a scuola da sola e ricordo ancora le raccomandazioni di mia madre la mattina: «Non toccare mai le siringhe che vedi per terra!»... le siringhe me le ricordo bene, le guardavo con gli occhi sgranati. Gli anni '80 non sono stati un periodo semplice a Napoli, né a Torre del Greco, dove sono cresciuta. Ricordo perfettamente il giorno del rapimento Cirillo - le mamme corsero a scuola a riprendersi i bambini per la paura - e la sera del terremoto. Furono gli anni dell'ascesa di Cutolo e della Democrazia Cristiana, della speculazione edilizia, dell'eroina e del terrorismo». Sull'inedito che è preghiera e canto su un elettronico carillon. «Corona di spine è il termine con cui lo studioso Isaia Sales definisce tutto l'hinterland del vesuviano».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.