Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Madeleine Peyroux da Cohen ad Eluard

La cantautrice francoamericana in "Anthem" con Larry Klein

di MARCO MANGIAROTTI
Ultimo aggiornamento il 6 settembre 2018 alle 11:01
Madeleine Peyroux (foto MP by Shervin Lainez)

Milano, 6 settemrbe 2018 - Lo stato  dell'America secondo Madeleine Peyroux in “Anthem” (Decca), un magnifico album della maturità, ai confini della poesia e del jazz. Con la libertà della strada e la complicità calda di un club. Dove si va per farsi ascoltare e capire, soprattutto quando si hanno cose importanti da dire. Magnifica band intorno alla cantautrice con Patrick Warren, Brian MacLeod e David Baerwald, che hanno suonato con tutti i più grandi. Canzoni nude che dalle rock ballad partono e a volte ritornano, prodotte da Larry Klein, scritte durante le elezioni del 2016. Testi “consapevolmente non troppo moralisti”, personali e politici, un album nato “dal gruppo, insieme in una stanza, meditando sugli eventi del mondo e lasciando che le esperienze personali facessero nascere idee”.

La figura del poeta, scomparso, John Ashbery e altri personalissimi eroi, visioni e poesia concreta, vita cruda, ricordando Leonard Cohen, come suggerisce “Anthem”, una delle due cover con la poesia di Paul Eluard “Liberté”, adattata da Madeleine e Larry. Scoperta quando un amico di famiglia ha chiesto a Madeleine di contribuire con una canzone al documentario “On the Tips of One's Toes” (Sur La Pointe des Pieds), raccontando la storia del figlio gravemente malato (distrofia muscolare di Duchenne). “Liberté” è stata scelta mentre guardavano il ragazzo malato alle prese con il suo difficile quotidiano. Molto bello e la riconoscere subito in “On My Own” e “Sunday Afternoon”, all'interno di una sofisticata declinazione di stile.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.