Milano, 17 luglio 2018 - Ogni settimana lo sguardo di Roberto Brivio affilato in decenni di satira, esercitata come attore, scrittore e chansonnier, illuminerà angoli della Grande Milano di oggi: i suoi vizi, le sue virtù e soprattutto la sua gente, da raccontare con irriverenza e tenerezza, come sa fare lui. E in lingua madre: il dialetto milanes.

Cantant, rappisti, trappisti, trapezzisti, ecc. ripeti el titol perché so mai quel che i titolisti a scriven. So domà che i titol che fan cont vera maestrìa hinn semper intonà al contenuto e riassummen quel che voeuri dì, in quatter parol. L'è on arte anca la sintesi. Rivà al dunque a gran vitesse, come disen i frances che, speravi vincesser minga 'sto campionà mondial de calcio anomalo dal moment che tutti i squader che dovarissen vess qualificaa hinn andà a ca'. Mi avaria vorsù ch'el vincess el Belgio. L'hann vist giugà cont ona forza e ona velocità sbalorditiva. Quest'ann l'è valorizzaa dal nomm: Bel gio eugh. Bel gioeugh! e el Mondial de calcio l'è so'. Hoo domandà stasera a mia miè e al so fradel Gfranco, me cugnaa, cont chi l'avaria perdù l'Italia per come la giugava. M'han ditt «Con tucc». Forsi gh'avevan reson.

Hoo decis de rivalutà la figura del CT passaa. L'è stà on eroe a fa' in moeud che l'Italia la vegniss minga qualificada ( la colpa l'è semper del CT, no dell'allenador. I giogador c'entren mai. Sia che corren, che se daghen de fa, sia che resten fermi a spettà che i gol vaghen denter in la porta, sia che se sbatten via al centro campo o che sparissen in difesa, sia che seguten a palleggià mandand el ballon al porter, fassel tirà al di là della metà campo, rimandàl indrèe al porter o tirand in la porta avversaria e sbagliand i misur, l'altezza, l'angolazion, el cross, el traverson, la traversada senza toccà el co' de on giugador, l'è semper colpa del CT). E allora vist che l'è lu el sbagli del calcio italian, mi le proclami eroe perché el gh'ha avù el coragg de fa stà l'Italia al so' paes “d'o sole, mare, spaghetti e furti”, evitand che la fasess ona figurassa dalla Corea in avanti. So no se el Mancini el savarà fermà l'Italia ai qualificazion di europei. Ghe voeur fermezza, carattere, determinazion, forza, decision, risolutezza, costituzion, indole, natura, personalità, precision, psiche, sostanza, stoffa, temperament. Ghe voeuren ball a tegnì testa a vundes titolar cont la gionta de la panchina, fai sentì in colpa, fai piang (anca mi piangiaria sui milion de ingagg e de stipendi, tant basta stà coi lacrim lontan dal cartaceo), fai riprend da la Tv intanta che se sughen i lacrim, e rispond a intervist che sembren no ma inveci a hinn la quintessenza dell'intellettualità: «Come ti senti adesso che hai perso Su o giù di morale ». Gh'è denter animus, vis, cultura. «Cosa pensi di fare nel prossimo futuro Quali sono i tuoi propositi » Mai nissun ch'el risponda «A voo a da' via el.. nas!» «I me proposit Perd, segutà a perd». Hoo scovert che gh'è pussè interess da part del pubblich a savè i to' penser sul perché e percome. E allora trasmission confessional per fass rivelà perfina i suppost de glicerina ciappaa per andà a deposità el superfluo.

I grandi numer  del pubblich gh'i hann i calciador e i cantant, mej se stranger, ma anca i noster reunì in battera scherzen minga. I conduttor se spertichen a dì' che hann vendù milion de disck in tutt el mond, i ripres televisiv mostren de per tutt concert semper pien e ti te se domandet ma come fann a pagai tucc con quel che costen Semplice i e premien e quand vann a partecipà, obbligà da i ca' discografich, ciappen el rimborso spese, che per on operari l'è semper ona cifra de fa' girà el co'. Almen, mi pensi. Ma dato che deven tegnì costantement in pè' la popolarità, che quand te manchet per on para de trasmission quajvun se domanda se quel tal per caso l'assente l'è mort, perden no l'occasion per fass vedè e cantà anca, de spess, cont el conduttor (ona moda portada in TV dal Baudo e seguida peu da tucc) specie se come tanti l'è on cantant anca lù. La verità, però per chi canta, l'è el concert e la partecipazion del pubblic al medesim. Grand che ricorden, giovin che vouren vedè, toccà, partecipà, fioeu portà sui spall dai pader appassionà, spenden on bel poo de danè per frequentà i concert addirittura con spostament notevol per andà in la piazza (se dis inscì) in doa el cantant l'ha pubblicizzà la soa performance ( va pronunciada come l'è scritta). Per quell che metten i manifest almen ses mes prima. A Milan gh'hinn foeura adess quei che faran a dicembre e perfinna l'ultim dell'ann. I promoter sann el lor mestèe e gh'han anca i danèe per sostegnill. E peu Quand te vet al concerto, in qualsiasi ordin de post, te se esaltet cont i alter che se esalten, te se sbrascet con i alter che se sbrascen, te cantet dimostrand de savè a memoria minga la poesia del Pascoli o del Carducci (Come te set restà indrèe! Disen i me nevod! Chi l'è el Pascoli, el Carducci, el Pastonchi, l'Alfieri, l'Hugò. I noster messìa gh'hann minga quii nomm lì! Al massimo te concedi on Dalla, on De Andrè, on Gaber, e fra on quaj ann nanca quii lì) . E allora per conclud hoo mandà la solita domanda all'Enrico Intra, nella speranza de avè ona risposta moderna, all'altezza de on stadio tipo San Sir, pien de gent e de lus e de proiezion. Mi per quant me riguarda voo avanti a cantà, almen fin che la mia generazion la viv i me canzon de protesta e per fa' in moeud che ghe sia minga confusion hoo intitolà el spettacol “Nostalgia de I Gufi da parte di un Gufo che canta le canzoni de I Gufi”.