Roberto Vacca
Roberto Vacca

Milano, 4 settembre 2018 - Ogni settimana lo sguardo di Roberto Brivio affilato in decenni di satira, esercitata come attore, scrittore e chansonnier, illuminerà angoli della Grande Milano di oggi: i suoi vizi, le sue virtù e soprattutto la sua gente, da raccontare con irriverenza e tenerezza, come sa fare lui. E in lingua madre: il dialetto milanese.

La mia mamma, quand gh'avevi de andà a fa' 'na visita da on dottor, quand dovevi presentamm a scola, quand dovevi andà a ca' de gent, la me faseva semper fa' el bagn o almanch la me obbligava a lavamm i part in lista de spuzzaa per el sudor. E me scandalizzavi no. Ciappavi l'abitudin a lavass che poeu l'è diventada mania de vess nett. Te vet in Treno, in Tram, in Metrò, in Bus, e certi volt te set costrett a sbatt el nas contra el to' brasc per minga sentì i odor de personn che ghe senten no de nettass, de pensà che in gir gh'hinn anca i alter e che tutti gh'hann diritt de respirà liberament senza vess costrett a cambià de post perché on quaivun el te imponn i so' fragranz. Leggi, l'alter ier che nell'ambulatori de on dottor, in ospedal, gh'era tacca' su on cartell cont scritt “Pazienti, lavatevi le ascelle”. On monito, la dis la notizia, che podaria costa' car al primari del Policlinich de Messina, che l'ha scritt el cartell. Disen anca che stavolta i reclamm hinn andà de là de ògni immaginazion, tant che on commissari de la clinica universitaria l'ha comincià ona procedura disciplinar vers l'autor de la raccomandazion. Me par che ghe sien in gir de matt! Propri quej che in on articol passaa disevi che staven foeura dai cancell. Voeureven che i pazient andassen a fass visità spuzzolent, sporch, pien de… lassemm perd.

Certo la pulizia la pulizia l'era minga el fort di italian. Se ve ricordìì in di film importà dall'America, subit dopo la II guerra mondial, faseven fa' la doccia ai protagonist almen tri volt per pellicola. Mi gh'avevi scritt per el quotidian Italia, allora, on articol intitolaa “America e doccia”, in doa dimostravi che i sceneggiator la metteven denter per educà i populazion a falla, a lavass. El dottor in question l'ha mandà a dì che nettass prima di visit, cambiass la biancheria intima, lavass i pè, i dent e giusta i sèll el cancellava no indizzi per fa' la diagnosi, e la doccia se podeva fa' senza pericol. Capissi no la reazion del Commissari che l'ha fa' tirà via el cartell, cont i scus dell'ospedal a la papala de tucc, invece de congratulass e consegnà al Primari on premio al coragg. Quanti volt sìì entrà in on offizi cont ona spuzza inqualificabil ! Mi tanti. E hoo semper trovà el moeud o de andà foeura cont la scusa de bev on caffè o de fa' derbì la finestra. Ona volta sont entrà in on sito cont vun di me fioeu, ancamò piscinin, che appena denter l'ha dit, vos dell'innocenza, “papà che puzza!”. In television passa de tutt anca a l'ora del mangià, specialment cont i consigli per gli acquisti, e se poeu minga mett on cartell, che invida a lavass, su ona porta ! El bell che el compilator de la notizia el parla de sarcasmo e peu el ciama “screanzato” chi l'ha scritt el cartell. Forsi l'era pussè irònich e sbeffard, scriv “ se preghen i sciori ghe gh'hann de fass visitaa de entrà sporch, lord e tarneghent. Minga per el dottor chi i e visita ma per tucc quej che l'igiene el sann nanca in doa sta' de ca'.”

Altra roba da credegh minga ma sacrosanta l'è la programmazion in TV, primm canal, prima serada, de la commedia “Le Rane” de scritta da Aristofane, protagonist Ficarra e Picone, regia de Barberio Corsetti. L'hann rappresentada al Teater Greco de Agrigento fin dall'ann passàa, ma serom impegnaa e gh'èmm minga podù andaa a vedella. El nomm di protagonist dava pocca garanzia per on Teater classic come quell de Aristofane in doa gh'è ona diatriba tra Eschilo e Euripide che domà on autor sarcastich el podeva scriv. Come, se disevom con Roberto Carusi, critich del mensil Rocca, commediografo, regista e attor anca lù, 'sti duu comic che me fann minga ridd quand fann “Striscia la notizia”, o anche in di film, men l'ultim success che hoo minga vist, come reciterann el classich. E citavom Tino Scotti, Piero Mazzarella, Aldo Fabrizi e Totò, attor comic che hann guadagnà a fa' i tragic. Tutt po' vess, l'è stada la conclusion.

Beh, i hoo vist e sont sta' toccaa da la bravura, la forza, el caratter, el moeud de parlà de attor che faseven no i attor, a differenza de on quai alter de la compagnia che recitava da attor impostàa come i attor classic, che tanti volt stufissen. La regia teatral de Barberio Corsetti, perfetta. Piena de idei. Cont el Coro che el recitava, cantand in coro a cappella, inveci de mormorà cont la vos monotona come quand se dis el Pater Noster in del temp de la Messa. Musica discretta e appropriada. Insomma rappresentazion perfetta, anca per i rann, che se moeuveven saltand e cantand. Giuri che i e ciapparoo mai pù a sassad quand fann el vèrs in del laghet-fontana sotta i me finester. Cercaroo de voltà in italian quel che disen e capii se gh'han on quaicoss de rimproveramm. Scommetti che nel lor cra cra gh'è saggezza de vend. La stessa saggezza dell'autor ( 445/440- 385 a.C.) che a distanza de domilaquattercent ann l'ha scritt ona pièce (legg pièce) contra la guerra che la sta' anmò in pè e la dimostra che i omen, grand, gross e ciolla, hann capì propri on bel nient.

Terza e ultima roba da no cred l'è el me inconter depoeu ona trentina de ann con Roberto Vacca, scienziaa, scrittor, matematic, autor de fantascienza, de sonett in romanesch a la maniera del Belli, ingegner, futurologo (l'ha previst Internet) e se voeurì saven de pu andìi su Wikipedia. Mi l'hoo conossù che avevi finì l'Accademia del Filodrammatici da circa duu ann. Insèma a Gici Granzini Granata e a Gigi Vesigna. Avevi leggiù el so' primm liber: Il Robot e il Minotauro. Troeuvom l'indirizz, ghe scrivom che voeurevom fagh la trasposizion teatral. L'accetta. Se mettom a laorà, prima in la trama, peu su i dialogh, gh'el leggiom, ghe pias, el battom a macchina in divèrsi copii e cominci, mi, a piccà a la porta di camerin per insubill a grandi attor: Bramieri, Foà, Lionello, e poeu Dapporto e Macario. Tucc interessaa ma mai propositiv perché gh'aveven giamò impegn per on quaj ann. Me risolvi de diventà attendibil per fa' mi la part de Mino Dauro, el protagonista che el se innamora de ona donna e nel dì che el gh'ha de fa' la dimostrazion de ona soa invenzion applicada a ona suddivision del cervell che el po' parlà, legg, fa' de cunt, nel stess temp, el se scarega a furia de fa' l'amor e el riess pù a sbrottà 'na parola. El final vegnarii a vedell a teater perché quest'ann le mettaroo in scena. Gh'hoo telefonà. El se ricordava ancamò de mi. S'erom vist nel '90, 91, quand abitavi ancamò a Milano 2, cont el stess proposit : traa in pè la commedia. Purtròpp hoo minga podù mett in pratica el progett. Ma adess, prima che me vegna on quaj coccolon, voeuri falla perché la troeuvi del dì d'incoeu, fresca, comica e noeuva. Ghe faroo on quaj ritocco per modernizzà el linguagg, ma voeuri soratutt salvà l'idea.

E a proposit, Roberto, giusta come mi, el m'ha parlà d'on liber noeuv strutturaa su on idea che la branca circa des secol passandogh attravers cont i notazion del cas. “Pensa” el me fa cont la soa vos stentorea, cjara, dall'accent minga milanes “l'hoo daa al Mondadori”. L'ha parlà in italian, sont mi che ghe volti i paroll “e m'hann dit che el ghe interessa no”. Dall'idea che el m'ha cuntà l'è on liber che el podariss diventa on best seller, che l'è minga ona bestia de sèller (sedano grande) ma che el voeur dì, voltà dall'ingles, articol che el se vend ben. El gh'ha 92 ann ma l'è in gamba, anzi in gamb (do'). In foto dimostra des ann de men e anca pussè. El viaggia, anca, per fa' conferenz, tegnì banc, insegnà. Sont onorà de la conoscenza. Gh'hoo mandà on para de articol in milanes. El m'ha dit al telefono che l'ha capì benissim e che el me avaria mandà sonett in romanesch. I a scritt a la manera del Belli.