Milano, 30 agosto 2018 - A proposit  dell'articol pubblicaa giovedì 23 Agost - mes che nel proverbi marellian (de Roberto Marelli) l'è descritt cont “Agost, el sò l'è fosch” - in doa parli del parlà (sic) di attor che san no parlà, gh'hoo da faa on distinguo tra popolarità e valor. Gh'hinn di personagg popolar, conossù da tucc, che troeuven moeud de vess semper depertutt senza dì nient de particolar, senza che de drè ghe sia on quajcoss a giustificà l'importanza de la presenza, domà per voeuna combinazion fortunada in la vita che i a portà a la frequentazion di salott televisiv. Alter, gh'hann pussè de on quajcoss e minga domà fals serc. Te sentet subit el spessor e te fan vegni voeuja de scoltà all'infinito quel che disen. Purtròpp el conduttor per fa' vedè che ne sa quanto lor i e interromp, i e fa' minga conclud i concett che resten tropp de spess per aria. El me papà, in la soa ignoranza el m'ha semper dit che per intromettem devi spettà el me turno. In TV l'è minga inscì. El presentator cerca i effett, i battud. Se ved da la soa faccia in PP che cerca el consens per l'interruzion fada. Intanta che personagg, ch'hinn domà tal per la continua presenza, ne profitten per dì vaccad che stan né in ciel né in terra. I astant riden. Quaivun per compiacenza. Mai nissun che el diga “ma cùnten pù!”. E guarda tì, la ridada compassionevol, la ven ciappada da tanti come el risultà de on spillètt vegnì foeura da la bocca de on “grand” comic.

Mi me par che autor come Chiosso, Puntoni, Marchesi, Vaime, Terzoli, Carosso, Silva, e anca Palazio che l'andava giò piatt piatt, de la generazion anni '50/60 in avanti, gh'abbien mai ricors, a 'sti “mezzucci” (intrad.), per fa' ridd, per fass 'scoltà, per dagh denter (colpire) a quei che stan a sentì (uditorio). No, quaivun el se sent in dover de imperversà e buttà ai occh (oche) 'na finta simpatia sollevand el cellular e giontà a on monologo inconsistent, cont la faccia semi incazzada “ Mamma, te l'ho dit de minga romp i …”, cont l'espression soddisfada de chi l'ha trovà la battuda de stend. Magari el gh'ha reson lù vist i teater pien ch'el se fa squas semper. Fortuna che i partecipant a la trasmission hinn stà' ripres da la TC (telecamera) cont la bocca appena averta in quell che doveva vess on sorris e che invece l'è stà on mastegà amar. El manual Cencelli el sarà sta' oggett de cialad, ma per certi casi l'era ona manna. Numm quella parola la disevom cantand la Badoglieide (vedi I Gufi a colori su you tube), mai accettada in television.

Pensà che de motiv umoristich, de cuntà, ghe n'è tanti in la vita de tutti i dì. Per esempi quel o quei lader che hann sciampaa on auto in garage, s'hinn fermà per fa benzina, gh'han miss el gasolio e la macchina la s'è fermada. Ròba de fagh ona canzon tipo quella del Walter Valdi (El Palo de l'Ortiga) rimusicada da Enzo Jannacci (Faceva il Palo). E quel pugile che depoeu vess montà in sul ring, depoeu avè sbattù i guanton cont l'avversari, propri prima del gong d'inizi match el passa tra i cord e el va' in del spogliatòi refudànd de combatt Lu l'ha dit per i danèe ch'eren minga quej che voreva, per mi e per tanti a eren i muscol de l'avversari. “Mi cont quell lì…mai!” (altra canzon).

E la notizia  di spaghett On ricercador de ona Università del Massaciussett, inveci de mangiàj la vorsù spaccàj. Scoperta a la Newton. Se spacchen minga in du, ma in trii, in quatter. E allora studi, proeuv, esperiment. L'ha vist che i spaghetti per vess spaccaa a metà van ritort e l'ha inventà ona macchinetta per fa' l'operazion. La notizia la se completta con ona raccomandazion scientifica: “Ciappìi minga sott gamba sti' studi. On doman podarissen servì anca in architettura, in ingegneria”. Scommetti che pensìi quel che sont a drè a pensa' mi. Ritòrc i pilon di pont pericolant perché succeda pù ona disgrazia come quella de Genova ! Altra notizia cont final umoristich l'è quella della donna urologa. Ghe credeva nissun che ona donna la podess fa' el mestèe che de solit l'era faa da on omm (ma el ginecologo l'e' minga anca on omen ). Intant la dottoressa l'è diventada primari e personagg internazional. E quand gh'hann domandà come reagissen i omen, lee l'ha rispost: “L'imbarazzo, certo, ogni tanto capita con i pazienti. Come me la cavo Con una battuta. Per un certo tipo di 'esplorazioni', dico, meglio che le mani siano di donna, non crede ”.

I donn  quand voeuren vess besios sann cossa dì. Me vegn in ment la battuta che ona veggetta de 95 ann la faa' a on me amis ginecologo. La cunta semper la Raimondi. Depoeu che la s'è sbiottada el dottor ghe fa' – Che la scusa, quanti ann la gh'ha Veggetta - Ghe l'hoo dì dottor. L'è sord, per caso 95, novantacinque. Dottor - Come mai da la panscia in su l'è tutta bianca e in giò l'è ancamò tutta nera ! Veggetta - El vorarà minga mett i preoccupazion che la m'ha da' la testa cont i gioii che la m'ha dà quella lì, eh.

E adess  parlemm finalment del valor. L'è semper pocch considerà, ma a volt, ciappa per esempi la carriera dell'urologa, el diventa tant fort da premià chi ghe l'ha. Quaivun el disarà che l'è semper question de fortuna o de deslippa. Mi disi anca che la costanza, quand gh'hinn i presupposti, la premia.

Remigio  Paone, nel camp del Teater, el diseva: “El primm ann se perd, el second se va in pari, el terz se guadagna. Ci vuole costanza”. El gh'aveva reson. E mi ghe gionti: ghe voeur che la costanza la gh'abbien anca quej che ris'cjen. Enrico Intra, interpellà a proposit del valor el m'ha portà l'esempi de on cantant famos: David Bowie per el qual gh'hann domandà on giudizi. Sto' minga chi a riassum la soa risposta. Se on quaivun l'è minga d'accord el po' anca replicà. Mi pensi che a volt la paga pussè la pop, come se dis, per abbrevià. E se peu parlomm de paga, de danèe, de cachet, quell “pussèe” che hoo usà prima el se applica totalment, e a volt ingiustament, all'immagin. Pussèe l'è granda, forta, pussèe la var. Se spiegarien no i alt cachet che gh'han certi personagg per andà a firmà autografi in discoteca senza fa' alter che mostrass in la muscoladora, mezz biott ( donn…e anca omen), cont el corp che assorbiss i centènn (centinaia) de desideri anca inconfessaa di client che hann pagà cùnt salaa per trovass insema all'idol del moment. Leggii la lettera e poeu torné chi per el Finalin (ona volta i canzon ghe l'aveven semper) de valor che el podarìa fa' pensà: “Che importanza gh'è se combatti per i concètt sbagliaa vist che sont in bona fed!” “ E che importanza gh'è se sont in mala fed vist che l'è per i concètt giust ” (voltà da “Représentation” de Jacques Prévert). brivio.roberto@yahoo.it