Milano, 31 luglio 2018 - Ogni settimana lo sguardo di Roberto Brivio affilato in decenni di satira, esercitata come attore, scrittore e chansonnier, illuminerà angoli della Grande Milano di oggi: i suoi vizi, le sue virtù e soprattutto la sua gente, da raccontare con irriverenza e tenerezza, come sa fare lui. E in lingua madre: il dialetto milanese.

Varda  che Luna on bel nient. Tutti i ser la guardavi da on balcon de la ca' indoe abiti. El 27 ai des, davanti a mi, sul ciel nett da ca', grattacù, alber e alter impediment, nient. Pregustavi giamò la voeuja de fagh ona serenada. Avevi predispost i cadregh per guardalla. Vers i vott e mezza nient, anca se in alter ser la vedevi grossa e granda in fond all'orizzont, bassa, pronta per vess toccada, carezzada, zaffada. La sera dell'eclissi a la television mostraven la Luna a Roma, on po' oscurada, on po' colorada, cont ona band che la sonava “Luna rossa” de Vian-De Crescenzo, ma sul ciel davanti a mi nient. “Sta vigliacca. Nanca bianca la se fa' vedè” me disevi “se gh'è l'eclissi, se l' è oscurada da la terra, l'è natural vedella no. Ma l'alon el dovaria vess cjar, visibil. Inveci nient . E nel ciel nanca ona nivola. Forsi gh'è on quajcoss nell'atmosfera.”

E pensà  che in 'on praa visin s'eren mis cont el telescopio per vedè anca Marte, Giove, Venere. “Marte! Visibile a occhio nudo.” Ma doa On puntin come ona stella qualsiasi. E i dun de sabbia E el lagh sotterrani E l'acqua salada per fa' minga che el se trasforma in blocch de giazz Fantasii In d'on spettacol faa al Nuovo nel '69 (Fantascienza), l'anno dello sbarco, cantavi “al Licantropo lunare/ quando c'è la luna piena/ già cominciano a spuntare/ tanti peli sulla schiena/” e depoeu el ritornell “Au au au au sono il licantropo di via Gesùù/ au au au au mordicchio e stridulo andando su e giù”… L'era la storia de on Licantropo cont la delusion perché gh'aveven violaa la soa Luna. Gh'era passada la voeuja de trasformass in lupo. Quand la spedizion de la luna l'è partida mi s'eri a Trieste a presentà, intant che faseven el festival del cinema de Fantascienza, el me LP, vinile, miss insema a la EMI, e intitolaa Roberto Brivio in 13 canzoni di Fantascienza. Hoo telefonà a Roma a Ezio Zefferi cont l'idea de radunà l'orchestra de la radiotelevision de Trieste e cantà nel cortil del Castel de San Giusto on poo de canzon. Avevi appena fini de girà Cronache Italiane e l'era l'occasion giusta per faj sentii al pubblic ch'el spettava lo sbarco lunare. Uei, Zefferi l'ha dit de sì, ma l'ha giontà che ghe voreva anca on Inno de cantà subit depoeu che i astronauti eren smontà da la scaletta e aveven calpestà el suolo lunare. Gh'hoo dit che ghe l'avevi in ment. L'hoo scritta in ona nottada e a la mattina bonora l'hoo dettada per telefono al me musicista Ario Albertarelli, che l'ha composta nella mattinada e el m'ha dettà per tf la musica che hoo scritt su on pentagramma per consegnala al capo orchestra Rai. El di dopo serom in sala de incision a registralla. Zefferi l'ha sentida e approvada. L'andava ben propri per la discesa de la navicella. “Salve eroi della luna….” Via i alter canzon. L'orchestra l'avaria sonà ona quaj ouverture in onor de l'atterragg. Inveci, la mattina, intant che i noster Eroi a eren ancamo' in viagg e pregustaven el moment de mettes in mostra al mond intèr, riva l'ordin da Roma che la trasmission la doveva vess registrada a Milan.

Salti  in macchina, arrivi a Milan nel primm dopo mezdì, voo 'me 'l vent a la redazion del TG, parli cont Emilio Pozzi, e cont el direttor del Centro, Vecchietti. Inno registraa cont l'orchestra de Trieste, musica in ona base da cantà in la trasmission diretta da Salvatore Nocita che el me gh'aveva in antipatia, su no perché. Fatto sta che la trasmission intervallada da i notizi giornalistich con ona squadra capeggiada dal Tito Stagno, l'incomincia con la solita pletora de cantant e de canzon. “Tintarella di Luna” Migliacci/DeFilippi; “Nel blu dipinto di blu” Modugno/Migliacci; “Luna tu”Ranzato/Lombardo; “Luna Marinara”Simonini/Bonagura; “Luna malinconica”Bracchi/Rodgers; “Luna caprese” Ricciardi/Cesareo /ghe sarìa de precisà che Ettore Lombardi el vantava de vess l'autor e mi ghe credi anmò anca se lu el gh'è pù; “Luna Bugiarda”Giacone/Pinchi; “Luna nuova sul Fuji Yama” Calabrese/Bindi; “Un po' di Luna” Ravasini/Valerio; “L'ultimo raggio'e luna”Vian/Fiore; “Lunarella”Coppola/Testori/Panzeri; “La Luna” Panzeri/Calvi; “La Luna del rio”Marshall/Testoni/Panzeri; “La Luna si veste d'argento” Mascheroni/Biri; perfino “Oh marinar c'è un uomo in mezzo al mare” e “Tu li porti i capelli bella bionda”. Ma del me “Salve eroi della Luna” l'unich Inno per la conquista, nanca ona nota. Mi s'eri convint che el Nocita el me odiass. Avevi sentìì alter attor che se lamentaven de lù. Hinn tutti mort. Me sembra inutil tirai a man anca se i nomm fann semper testimonianza. (Chi el voeur la storia pussè completa ch'el compra el me ultim liber intitolaa “Facce da…spettacolo” scritt insema ad Andrea Ancona cont i caricatur de Bruno Prosdocimi, ediz. Book Time.) Fatto stà che nissun el gh'ha fa' cambià parer. La canzon l'ha minga vorsù mandalla in onda. E mi che credevi de vess in sui stell me sont vist borlà giò in di stall, cont el disco che l'era giamò in vendita. Fortuna che ona copia l'hann venduda: quella che hoo comprà mi. Ecco perché gh'hoo on cunt avert con la Luna ed ecco perché hoo 'spettaa cont pazienza che la me se mostrass tutta timida e rossa, la sera dell'eclissi pussè long del secol.

Hoo sentiì on giornalista affermà che fina al 2100 on fenomeno del gener el se sarìa minga ripetù. E a proposit de giornalist gh'è pu' de religion anca per lor. Parli de quei che fann sfoggio letterari in television. Ghe n'era vun la sera in question che l'ha intervistà on scienzia'. L'ha faa ona prolusion de cinq minutt cuntand quell che doveva dì el scienziato peu el dis “ abbiamo tra noi lo scienziato (xy) al quale poniamo una domanda: a che ora comincerà questa eclissi ” risposta “ alle 22.30”. E ancamo' el giornalista a sproloquià. Numm tutti se spettavom quajcoss de divers. Nient. Hann mandà in onda a la fin de la concion on contributo ch'el ripeteva semper la medèmm storia. Me sont domandà se gh'è on rispett per la gente che la ven cjamada, se l'era necessari ona prefazion prima de la “gran” domanda, perché on scienzià al va a testimonià e le lassen no parlà, perché ciamen intelligente ona domanda che l'è no domanda ma ona vaccada. Me sont incassàa hoo decis de scriv l'articol.

Per la seconda volta la Luna la m'ha daa ona bozzarada. A la terza, al prossim sbarc, so no se ghe saroo ancamò, ma se per cas ghe fussi, cercaria de contattà i astronauti prima de la partenza, ghe darìa l'Inno per fall sona' direttament su la Luna. Almen gh'avaria ona soddisfazion. Chì in su la terra nanca quand l'Amstrong l'è andà a Roma, al riceviment dell'Usis (United State Information Service) Maurizio Costanzo, che el lavorava lì e che el m'aveva invidaa, el m'ha faa cantà. La Luna, el sbarc, l'era all'ordin del dì. La s'è dada ona quaj idea anca l'aziom Cattolica. El prof. Luigi Gedda, el riferiss che la Fondazion del Santuario di Getsemani a Paestum (Salerno), l'aveva stabilì de erigere sul Mont Calpazio on monument a Maria Signora della Luna. Se sa no se el monument l'è stà edificà. Ma dal moment ch'èmm no vist la Luna “piang”, pensi che el sia ancamò on progett.

E ghe sarìa de tirà a man ona storia che cont la Luna la ghe entra pocch e che la riguarda i personagg tipo Gedda al temp de 'l divorzi. Ma torni a consiglià de legg el liber “Facce …da spettacolo” pag. 113. L'è ona bella immersion in di avveniment dell'epoca che adess ciamon secol passaa ma che l'è chi de drè ai noster spall come el fudess ier, anzi incoeu, e che minga tucc ricorden. M'è rivada ona lettera che, a proposit de la memoria, l'è chiarificatrice. Ve la scrivi de seguit. “Disen che i vecc, domà perché a hinn vecc, perden la capacità mental. Mi disi che la perden no; ghe voeur domà pussè de temp per traa a memoria on avveniment. El cervell dopo i '70 l'è pien, zèpp de informazion. El laora pussè lentament quand semm vecc domà per 'sto casin de informazion memorizzaa. Donca i cervell di anzian a hinn minga debol, a hinn pien de nozion e de saggezza. Capita che i personn anzian vaghen per la ca' a cercà on quaicoss e quand riven in la stanza desiderada ricorden no quell che a eren adree a cercà. L'è minga on problema de memoria, ma la manera logica che fa' operà el noster sistema cerebral. Adess che so del fenomeno, se me vegnarà minga in ment on nomm, ona parola, inveci de dì «Perdi colp su colp», disaroo «El me disk rigid el gh'ha ona gran quantità de informazion in memoria. A gh'hoo tanti amis da mandagh 'sto messagg, ma me recordi no i nomm, quindi mandiil vialter ai vòster de amis».