Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
28 dic 2021

Banca Popolare di Sondrio diventa società per azioni

La storica trasformazione sarà ratificata oggi dai soci nell’assemblea straordinaria

28 dic 2021
carlo d'elia
Economia
SONDRIO, Mario Alberto Pedranzini - FOTO (ANSA/ANP)
Mario Alberto Pedranzini
SONDRIO, Mario Alberto Pedranzini - FOTO (ANSA/ANP)
Mario Alberto Pedranzini

Sondrio, 28 dicembre 2021 - Dopo 150 anni di storia societaria cooperativa, diventerà una società per azioni. Oggi si terrà l’assemblea straordinaria della Banca Popolare di Sondrio in cui i soci dovranno votare la trasformazione in spa. Quella di Sondrio è l’ultima tra le undici grandi banche Popolari italiane ad adeguarsi alla riforma del 2015. Una mossa che arriva dopo un lungo iter giuridico che va avanti da mesi. L’istituto valtellinese ha infatti opposto una strenua resistenza di fronte all’imperativo di legge percorrendo tutti i gradi di giudizio (ultima la sentenza arrivata il 31 maggio scorso del Consiglio di Stato che ha confermato la legittimità della riforma delle banche popolari).

Ora non ci sono più spazi di manovra per la banca guidata dal consigliere delegato e direttore generale Mario Alberto Pedranzini,  che si è sempre battuto sull’autonomia della banca.
In vista dell’assemblea il Comitato per l’autonomia e l’indipendenza della Banca Popolare di Sondrio, un gruppo che è composto da 800 azionisti aderenti, nei giorni scorsi ha avanzato una proposta affinché l’istituto, nella sua nuova veste giuridica di società per azioni, possa assumere lo status di società benefit per azioni. Un’ipotesi che verrà affrontata durante l’assemblea straordinaria di oggi, anche se i margini di manovra appaiono francamente ridotti. La preoccupazione del Comitato, sottolinea una nota, "è oggi concentrata su ciò che può succedere dopo la trasformazione, come è avvenuto per altre storiche e importanti banche popolari che, trasformate in spa, hanno perso la loro identità popolare originaria, nonché autonomia e indipendenza, entrando a far parte di gruppi finanziari o bancari di maggiori dimensioni".
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?