Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
17 lug 2022

Traona, bastonate per una donna: da anni è in stato vegetativo

Si va verso il processo a carico dell’aggressore che potrebbe cavarsela con una condanna lieve. L’avvocato della vittima: "Non fu legittima difesa"

17 lug 2022
michele pusterla
Cronaca
Il maggiore Daniele Gandon comanda la Compagnia carabinieri di Chiavenna
Il maggiore Daniele Gandon comanda la Compagnia carabinieri di Chiavenna
Il maggiore Daniele Gandon comanda la Compagnia carabinieri di Chiavenna
Il maggiore Daniele Gandon comanda la Compagnia carabinieri di Chiavenna

Traona (Sondrio) -  Non resterà insoluto il “giallo“ della violenta aggressione, avvenuta nella tarda serata, fra il 5 e il 6 giugno 2019, ai danni dell’allora 37enne morbegnese Mirko Bongio. In un luogo appartato, nella contrada Valletta, in territorio comunale di Traona, fu colpito con forza alla testa con un bastone. Da allora non si è più ripreso. "Dopo l’aggressione - aveva raccontato a “Il Giorno“ Elisa, la sorella che ne è poi diventata l’amministratore di sostegno - mio fratello è stato ricoverato d’urgenza e in stato di coma all’ospedale “Morelli“ di Sondalo. La prognosi, sin da subito, era stata definita dai medici rigorosamente riservata". In effetti, Mirko, in conseguenza dei traumi riportati, è rimasto a lungo ricoverato, in condizioni disperate. Ora, da qualche tempo, è ospite di un istituto della Bassa Valle che, con personale specializzato, si prende cura di lui. «Comunica soltanto con gli occhi, si muove poco - spiega l’avvocato Vittorio Spini con studio a Morbegno che lo assiste nella vicenda processuale, nelle vesti di parte civile -. Quella terribile notte riuscì a dare l’allarme, prima di svenire, altrimenti forse sarebbe morto nel lago di sangue dove fu trovato dai soccorritori". A lungo la storia è rimasta avvolta dalle nebbie di un totale oblio, ma le indagini dei carabinieri di Traona e del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Chiavenna, guidata dal maggiore Daniele Gandon, non si sono mai fermate, per fare piena luce sul grave episodio e giungere all’individuazione di un responsabile e di un possibile movente. Il 28 ottobre è fissata l’udienza preliminare a carico di Fabio Manna, 40enne di Traona, l’accertato responsabile dell’aggressione. «Mi opporrò all’accordo di patteggiamento fra il pm Stefano Latorre e il mio collega che difende l’imputato - afferma il legale Spini -. Non è possibile derubricare l’accusa di lesioni gravissime ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?