Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet Accedi al tuo account Clicca qui per accedere al tuo account WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

L'impresa di due fratelli valtellinesi: fino a Genova in kayak

Giulio e Lorenzo sono partiti da Venezia

di LAURA TADDEI
Ultimo aggiornamento il 17 giugno 2018 alle 08:39
I due fratelli valtellinesi

Teglio, 17 giugno 2018 - Sono a circa un quarto del loro percorso. Ma l'avventura che stanno vivendo è entrata nel vivo da tempo. Giulio e Lorenzo Valli, di Teglio, sono partiti quasi un mese fa, il 22 maggio, dalla laguna di Venezia e adesso sono in Puglia. Il loro viaggio in kayak li ha già portati a percorrere tutto il mar Adriatico. I due giovani, 25 anni Giulio e 16 Lorenzo, hanno salutato mamma, papà e paese e sono partiti per un'avventura unica, destinata a rimanere nella memoria loro e forse anche dell'Italia. L'obiettivo dei due fratelli, infatti, è percorrere oltre 3mila chilometri, toccare 12 regioni e, con il loro kayak, partire da Venezia e approdare a Genova. Ora sono già alla tappa 24 su 105 programmate da Giulio, il più esperto dei due (qualche anno fa ha cricumnavigato in kayak l'Isola d'Elba con alcuni amici) e si trovano sul Gargano, in Puglia.

Le difficoltà, raccontano nel loro blog «Mamma vado – in kayak» che è anche il titolo del loro progetto, non sono mancate: le mani, dopo tanti giorni a pagaiare, fanno male; la forza viene meno; mettiamoci anche la pagaia che si rompe o il meteo che fa i capricci... «La costanza è la più grande difficoltà – racconta Giulio - Ci sono giorni in cui capita di aver voglia di riposo, ma bisogna stringere i denti e completare la tappa che ci si era prefissati (ognuna dai 30 ai 35 chilometri con un giorno di pausa a settimana». I due autori della grande impresa, però, non si stanno dando per vinti e, grazie anche al continuo tifo (sui social) di parenti e amici, vecchi e nuovi, stanno portando avanti il loro proposito con tanto buon umore spronati anche da qualche interessante esperienza: «Tra le tappe più belle c'è quella del delta del Po. L'arrivo del fiume al mare stupisce, è molto suggestivo e abbiamo anche potuto vedere dei delfini poco dopo. Un'altro posto bellissimo è Ancona e la zona di Punta Pinna, ma anche le coste del Molise cominciano ad essere quelle che ci aspettavamo. Da qualche tappa abbiamo iniziato a godere del mare italiano».

Le gesta di Giulio e Lorenzo stanno venendo raccontate anche da diversi giornali locali dei luoghi in cui si fermano. E dietro di loro, per documentare ogni tappa, un amico alla guida del camper che, fino a settembre (data di arrivo prevista), sarà la loro casa. A lasciare il camper da poco è stato Leo, un amico, che ha raccontato giorno per giorno, sul blog, l'avventura dei due giovani. La presenza (quella degli amici) – racconta Giulio – è un privilegio: permette di non pensare ad altro che a pagaiare e riposare.
Da Venezia a Chioggia, i due col kayak hanno toccato, tra le altre, Rosolina mare, Marina di Ravenna, Cesenatico, Fano, Ancona, Termoli, Peschici, Vieste e ora Mattinata.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.