Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
6 mar 2022

Nell’avamposto dei disperati in fuga dalle bombe

Viaggio al seguito del convoglio partito da Lodi con sette mezzi stracarichi. Quindici volontari a Medyka, in Polonia, dove si rifugiano donne e bambini

6 mar 2022
mario borra
Cronaca
Alcuni dei volontari lodigiani in una sosta del lungo. viaggio
Alcuni dei volontari lodigiani in una sosta del lungo. viaggio
Alcuni dei volontari lodigiani in una sosta del lungo. viaggio
Alcuni dei volontari lodigiani in una sosta del lungo. viaggio
Alcuni dei volontari lodigiani in una sosta del lungo. viaggio
Alcuni dei volontari lodigiani in una sosta del lungo. viaggio

MEDYKA (Polonia) di Mario Borra Il cuore dell’Europa ferita a pochi passi da un confine che sta diventando di giorno in giorno, di settimana in settimana, una linea di salvezza da oltrepassare da parte di migliaia cittadini ucraini che cercano riparo dall’ avanzata russa. Siamo di fronte ad un esodo che sta diventando, anche sotto i nostri occhi, sempre più grande dove donne e bambini sono, loro malgrado, i protagonisti principali. Siamo arrivati dopo quasi 24 ore di viaggio, fatto di inevitabili imprevisti, lungo la rotta che molti stanno facendo come noi con auto e van proveniente da mezza Europa: attraversare l’Austria e la Repubblica Ceca e entrare in Polonia, nella regione carbonifera della Slesia, terra di profonda religiosità e di enormi tragedie della storia. Arriviamo con il convoglio partito da Lodi venerdì sera e formato da sette mezzi stracarichi di aiuti di vario tipo (cibo, medicinali, vestiti, giocattoli) nella zona più vicina all’area di guerra anche se al di là della frontiera in Ucraina, per ora le armi tacciono. "Ancora per quanto?", si chiedono i tanti che hanno scelto di riparare al di qua della cortina che, in questo momento, sembra tanto essere tornata quella di ferro. Eppure si tratta di una guerra fratricida e gli occhi dei rifugiati fanno fatica a nasconderlo. Nessuno vorrebbe più odiare o contrapporsi nell’epoca post-guerra fredda, ma tutti hanno paura che ora la cose possano precipitare. I quindici volontari dell’associazione Santa Francesca Cabrini hanno scaricato i quintali di scatoloni a Medyka, una delle piccole cittadine di confine trasformatosi in pochi giorni in avamposto della disperazione. Braccia e forza messi subito a disposizione nonostante il buio fosse già calato in questa fetta di Europa. Ma la provvidenza chiedeva una risposta celere e così è stato. I pacchi sono stati stoccati presso un centro polifunzionale ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?