Quotidiano Nazionale logo
12 feb 2022

Macchinista morto sul lavoro L’udienza dopo cinque anni

Un collega ha patteggiato, a processo l’altro con due dirigenti delle Nord. Per l’accusa hanno agito con "negligenza, imperizia e imprudenza"

beatrice raspa
Cronaca
Il dramma accadde nell’ottobre del 2016 sulla linea Brescia-Iseo-Edolo
Il dramma accadde nell’ottobre del 2016 sulla linea Brescia-Iseo-Edolo
Il dramma accadde nell’ottobre del 2016 sulla linea Brescia-Iseo-Edolo

di Beatrice Raspa Un patteggiamento e tre rinvii a giudizio. A distanza di oltre cinque anni dall’incidente ferroviario che provocò la morte del 34enne macchinista di Iseo Nicola Franchini, ieri si è conclusa l’udienza preliminare. Imputati – a vario titolo di disastro ferroviario, omicidio e lesioni colpose – sono due manager di Ferrovie Nord e due colleghi della vittima. A scegliere di patteggiare – un anno e otto mesi – è stato Sperandio Barcellini, 63 anni, un manutentore collega di Franchini, rimasto a sua volta ferito nell’incidente. Invece per l’altro collega, Francesco Fusari, 37 anni (l’impatto lo mandò in coma per un periodo ma si salvò) per Antonio Verro, 75 anni, e Marco Barra Caracciolo, 64 – rispettivamente consigliere delegato e direttore generale di Ferrovie Nord - il gup, Gaia Costantino, ha disposto il rinvio a giudizio. Il dibattimento inizierà il 7 giugno, davanti alla seconda sezione penale in composizione collegiale. Il dramma accadde la notte tra il 21 e il 22 ottobre 2016 sulla linea Brescia-Iseo-Edolo, in prossimità della stazione di Rodengo Saiano, durante un intervento di manutenzione. Il macchinista Franchini si trovava su una motrice insieme a Fusari quando il locomotore fu travolto da un carrello carico di traversine e binari che era stato sganciato e provocò un violento frontale. Franchini non ebbe scampo, Fusari appunto finì in coma, Barcellini, che era rimasto a terra a sorvegliare il carro e per l’accusa avrebbe dovuto innestare il freno, rimase a sua volta ferito. Stando alla ricostruzione del pm Carlo Pappalardo la squadra diretta da Franchini durante le operazioni di trasferimento di un convolgio da Iseo a Paderno avrebbe sganciato il carro dalla motrice proseguendo su quest’ultima. L’idea era quella di tornare indietro in un secondo momento a recuperare il vagone. Il carro tuttavia, privo di un freno continuo automatico efficiente ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?