Livigno, 25 settembre 2015 -  Stop al nuovo impianto di risalita a Livigno. La decisione è stata depositata dal Tribunale amministrativo regionale (Tar) della Lombardia, che ha depositato in mattinata la decisione di sospendere in via cautelare i lavori legati alla seggiovia.

L'impianto dedicato allo sci alpino prevede una seggiovia a sei posti a Vallaccia, area protetta in quanto sito di interesse comunitario (Sic). Il 5 novembre è prevista la discussione nel merito da parte del Tar, che per ora ha accolto il ricorso di Legambiente (rappresentata dall'avvocato Francesco Borasi) che nel 2014 ha cominciato la battaglia legale.

Gli ambientalisti, inoltre, con l'ordinanza di oggi, hanno ottenuto la  sospensione di una delibera del Consiglio dei Ministri del 19 settembre 2014 che aveva superato i pareri negativi della Sovrintendenza ai beni ambientali alla costruzione dell'impianto.