A indagare sul ferimento sono i carabinieri
A indagare sul ferimento sono i carabinieri

Tartano (Sondrio), 11 luglio 2020 -  Con il passare delle ore si vanno meglio delineando i contorni del grave fatto di cronaca avvenuto oggi pomeriggio, attorno alle 16.30, lungo la strada provinciale numero 11 che dal fondovalle conduce all'abitato di Tartano. Non si tratta di ladri intercettati, ma di una banda di spacciatori extracomunitari.

I carabinieri del Nucleo operativo e radiomobile della Compagnia di Sondrio, con i colleghi del Comando provinciale, da tempo stanno tenendo d'occhio una banda di spacciatori all'opera nella fitta boscaglia che costeggia l'arteria. Un po' come avvenuto in un recente passato in altre realtà lombarde.  Oggi decidono di fare un blitz sospettando che sia arrivato un nuovo quantitativo da smerciare.  Quando i militari in borghese individuano un gruppo, si qualificano e a quel punto alcuni giovani marocchini si danno alla fuga nel bosco.

Nel tentativo di sfuggire ai controlli dei militari uno precipita da uno sperone roccioso e si schianta sull'asfalto restando ucciso sul colpo, per il violento impatto, un altro lo imita e se la cava con lievi escoriazioni ed è subito catturato dagli investigatori in borghese, mentre un terzo componente della banda riesce a sfuggire alle manette ed è attivamente ricercato. Sul posto, con il magistrato di turno della Procura di Sondrio, forze dell'ordine a caccia del fuggitivo anche con l'aiuto dei cani della Guardia di finanza.