Quotidiano Nazionale logo
15 feb 2022

In crescita le vacanze brevi: "Bisogna allungare il calendario"

Il direttore del Consorzio turistico Sondrio e Valmalenco traccia le prospettive degli operatori per i prossimi mesi

Roberto Pinna, direttore del Consorzio turistico Sondrio e Valmalenco
Roberto Pinna, direttore del Consorzio turistico Sondrio e Valmalenco
Roberto Pinna, direttore del Consorzio turistico Sondrio e Valmalenco

Il mondo del turismo dovrà operare ancora nell’assoluta incertezza o quasi e dovrà essere bravo a “inventarsi“ qualcosa per operare in un’epoca in cui il Covid è ancora presente, sebbene faccia meno paura. "Senza dubbio quest’anno gli operatori e le destinazioni turistiche non potranno operare in quella che si chiama la fase del “turismo post-Covid“. Anzi continueremo a operare nella fase “turismo nel Covid“ – dice Roberto Pinna, direttore del Consorzio turistico Sondrio e Valmalenco –. Il 2022 avrebbe dovuto essere l’anno del recupero del turismo ai livelli pre-Covid, chiaramente non lo sarà. Il ritorno ai livelli del 2019 nella migliore delle ipotesi sarà nel 2023, nella peggiore nel 2024. Le destinazioni e gli operatori turistici dovranno continuare a far fronte a una situazione complessa". Quali le novità? "Si è parlato di workation, di nomadi digitali, di revenge travel (viaggiare come vendetta al Covid e al confinamento). Di sostenibilità, di digitalizzazione… Si è parlato tanto, ma per poter operare nel turismo sarà necessario trasformare tutte queste tendenze e applicarle al contesto in cui si vorranno muovere le destinazioni e gli operatori turistici. La realtà del turismo del nostro territorio non è la stessa di altre destinazioni competitor. Neanche il comportamento dei turisti italiani corrisponde al comportamento dei turisti inglesi, tedeschi o di altri mercati…". Come si potrà chiudere la stagione invernale 2022? "Sicuramente la seconda parte del 2022 sarà ancora segnata dal turismo nazionale e di prossimità. Se non ci saranno nuove ondate pandemiche, possiamo prospettare il ritorno di un turismo internazionale da Pasqua". Com’è cambiato il turismo? "Lo smartworking ha fatto crescere le vacanze brevi, quelle di 2 o 3 giorni, in destinazioni raggiungibili in poco tempo. Si prevede che le persone realizzeranno 34 vacanze in un anno. Conseguentemente, più che parlare di stagionalità o di destagionalizzazione, dovremo considerare che in molte destinazioni turistiche dovrà iniziare ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?