Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
3 mar 2022

Il nuovo regolamento agita il mondo della pesca

Sondrio, i vertici dell’Ups rispondono agli appassionati valtellinesi che contestavano il cambio di normative in corso di approvazione

3 mar 2022
Valter Bianchini, Saverio Froio e Marco Bordoni nella sede di Ups Sondrio
Valter Bianchini, Saverio Froio e Marco Bordoni nella sede di Ups Sondrio
Valter Bianchini, Saverio Froio e Marco Bordoni nella sede di Ups Sondrio
Valter Bianchini, Saverio Froio e Marco Bordoni nella sede di Ups Sondrio
Valter Bianchini, Saverio Froio e Marco Bordoni nella sede di Ups Sondrio
Valter Bianchini, Saverio Froio e Marco Bordoni nella sede di Ups Sondrio

I vertici dell’Unione Pesca Sportiva di Sondrio rispondono a quel gruppo di pescatori che, nei giorni scorsi, aveva contestato la bozza di regolamento. Un regolamento che, secondo le doglianze, non troverebbe riscontri in nessun’altro approvato in Lombardia e che potrebbe limitare tutte le attività di pesca di migliaia di associati. "Riteniamo importante puntualizzare alcuni concetti – ci dicono i vertici UPS -. Per quanto riguarda torrenti e laghi alpini, la pesca rimane quella di sempre. Semplicemente la nuova carta ittica di prossima approvazione ha individuato 2 zone degne di maggior tutela che per questo motivo saranno destinate alla pesca con esche artificiali. Stiamo parlando del tratto terminale del Mallero e del suo ingresso in Adda, e del tratto in prossimità dello sbarramento di Ardenno a scendere fino al ponte della nuova statale 38. Per una lunghezza complessiva di entrambi i tratti per un totale di circa 2,5 km. Al di fuori di questi due segmenti, la pesca su Adda e Mera rimane invariata, con la sola differenza che il numero di trote Fario trattenibili in Adda è stato portato da 5 a 3. Anche i laterali continueranno a essere ripopolati con il novellame prodotto nei nostri centri ittiogenici e lì il regolamento rimane invariato anche nel numero dei capi trattenibili". Le novità ci sono. "Il vero cambiamento riguarda la gestione delle semine di pronta pesca, che non saranno più 3 a stagione e distribuite senza soluzione di continuità lungo i corsi di Adda e Mera, ma una ogni due settimane nelle traverse di Ardenno e Lovero in Valtellina e a Villa di Chiavenna, Prestone, Isola e Madesimo in Valchiavenna. Oltre ad alcuni tratti limitati. Da notare che il quantitativo del pronta pesca rimarrà invariato rispetto al passato, cambierà solo l’ubicazione dei tratti di fondovalle (i bacini in quota in cui verranno ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?