Quotidiano Nazionale logo
31 mar 2022

Coinvolti nell’indagine della Dda Sigilli alla ricevitoria del lotto

Una interdittiva antimafia, emessa ieri dal Prefetto di Como Andrea Polichetti, ha colpito le società The Bulldog e New Bulldog di Cadorago, riconducibili a Elisabetta Rusconi, 56 anni di Appiano Gentile, a cui fanno capo una impresa individuale e due società in nome collettivo che operano nel settore della rivendita di generi di monopolio, gestione ricevitorie del lotto e totocalcio, cartoleria, attività di bar e commercio al minuto di pasticceria e gelateria. Assieme al marito Alessandro Tagliente, 56 anni, è coinvolta nell’indagine "Cavalli di razza", condotta dalla Dda di Milano, sfociata a novembre in una vasta ordinanza di custodia cautelare che ha indagato le nuove modalità di infiltrazione ‘ndranghetista nel tessuto economico comasco. Il provvedimento è infatti stato adottato a seguito di richiesta di informazione antimafia pervenuta alla Prefettura, dalla Banca Dati Nazionale Antimafia, dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, essendo le società titolari anche di licenza di rivendita tabacchi. Gli esiti a cui sono arrivate le indagini, a cui si sono aggiunte le valutazioni del Gruppo Interforze Antimafia operativo in Prefettura, hanno accertato l’esistenza, "attraverso legami familiari e di conoscenza, di elementi sintomatici di un pericolo di infiltrazione mafiosa delle imprese in questione, con possibile condizionamento delle loro scelte e dei loro indirizzi, considerata l’elevata permeabilità e contiguità con la criminalità organizzata di stampo ‘ndranghetista". Le indagini sono state chiuse alcune settimane fa. "Il pericolo di condizionamenti e infiltrazioni della criminalità organizzata nelle attività economiche è sempre presente", ha dichiarato il Prefetto Polichetti . Pa.Pi.

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?