Pigotte dell'Unicef Foto @Wikipedia
Pigotte dell'Unicef Foto @Wikipedia

Chiavenna (Sondrio), 7 dicembre 2018 - Sono numerose le iniziative Unicef in questa fine anno a Chiavenna - sede storica del comitato provinciale - che si aggiungono a quelle del capoluogo. 

Anzitutto le famose pigotte, bambole di pezza mirabilmente realizzate da volontarie con tanta creatività, sono state offerte da oggi 7 dicembre in piazza Pestalozzi e saranno le protagoniste della mostra in palazzo Pretorio dall'8 al 16 con orario 10-12 e 16-18. Adottare una pigotta, oltre a far felice un bambino valchiavenansco, consente di salvare una vita ad un bimbo che vive in paesi dove fame e patologie rendono precaria l’esistenza dei più piccoli. Con l’offerta per ogni pigotta l’Unicef internazionale invia dei veri e propri kit salvavita che consentono a bambini denutriti di superare la fase critica ed inoltre organizza le vaccinazioni contro malattie che possono in quei contesti risultare fatali. 

Inoltre a Chiavenna, dopo il successo delle serate del 20 e 21 novembre con gli alunni delle scuole Garibaldi e Pestalozzi per ricordare i diritti dei bambini sanciti dalla convenzione internazionale, è in programma un altro grande evento: presso il teatro Società operaia la scuola di danza Dddance dedicherà lo spettacolo di fine anno proprio all’Unicef. L’appuntamento è previsto per sabato 22 dicembre alle ore 21 e per domenica 23 dicembre alle ore 18.