Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Chiavenna, trovata morta la giovane sub scomparsa nell'oceano: forse un malore

La giovane, che lavorava a Milano da anni ed era in vacanza in Mozambico, aveva alle spalle numerose immersioni

Ultimo aggiornamento il 29 agosto 2018 alle 22:16
Matteo Gobbi con Eleonora Contin

Chiavenna, 29 agosto 2018 - Tragico epilogo sulla scomparsa di Eleonora Contin: il corpo della 34enne chiavennasca è stato trovato su una spiaggia in Mozambico. Della giovane non si avevano più notizie dallo scorso 25 agosto, quando era andata a fare un’immersione subacquea insiema al marito. Ora si dovrà fare luce sulle cause della tragedia, ma l'ipotesi al momento più probabile resta quella del malore. Eleonora, infatti, era un'esperta sub con alle spalle numerose immersioni. Il suo brevetto Padi risale a otto anni fa.

Il giorno della scomparsa qualcosa è andato storto, quando il gruppo della donna, che lavorava per l'orchestra Verdi di Milano, è stato sorpreso da una forte corrente. Tutti sono riusciti a raggiungere la scogliera, compreso il consorte, mentre lei no, forse in difficoltà per un improvviso malore. Ora i familiari, sbrigate le formalità di rito e in attesa di sapere se verrà disposta un'autopsia dalle autorità giudiziarie locali, si adoperano per riportare al più presto in Italia la salma della propria cara. Utilizzando una parte delle risorse economiche che sulla piattaforma GoFundMe erano state raccolte, in pochi giorni, per fare continuare le ricerche nell'oceano nello stato delle barriere coralline più belle del sud Africa.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.