Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Il cane e la guida alpina, cordata da record: per 9 volte oltre quota quattromila

Il primato del valtellinese Andrea Scherini e del suo lupo cecslovacco

di FRANCESCA NERA
Ultimo aggiornamento il 7 settembre 2018 alle 09:32
Andrea Scherini insieme a Nepal sulla vetta della Punta Zumstein (Anp)

Sondrio, 7 settembre 2018 - Ha tre anni e per nove volte ha già oltrepassato quota quattromila. Non a caso si chiama Nepal. È il lupo cecoslovacco di Andrea Scherini che, dopo aver raggiunto tre giorni fa una delle vette più alte del massiccio del Monte Rosa (Punta Zumstein a 4.563 metri), detiene il nuovo record europeo per un cane. Merito del compagno di cordata valtellinese Andrea, 25 anni, guida alpina e istruttore di nordic walking, impiegato alla Bps e laureando in Ingegneria matematica. Insomma, uno che in montagna sa come muoversi. Gli inseparabili alpinisti a sei zampe hanno all’attivo diverse spedizioni e ora guardano già al prossimo obiettivo: la vetta del Monte Bianco a quota 4.810.

Si può dire che le cime siano il vostro vero habitat…

«Ho sempre avuto la passione per la montagna tanto che quando ho iniziato l’Università a Milano, non mi sentivo a mio agio in città e dopo poco ho deciso di tornare in Valle e studiare da non frequentante, pur di non rinunciare ai miei boschi e alle mie adorate montagne».

Lo stesso amore per la montagna vale anche per Nepal?

«Mi ha seguito in ogni escursione e mi è sempre stato vicino. In montagna si trova benissimo anche perché, da quando ha tre mesi, è in addestramento per la ricerca dispersi. Durante le ascese siamo legati in cordata, esattamente come due alpinisti: lui davanti, io dietro. Anche sul ghiaccio non ha particolari difficoltà, di solito gli apro la strada e lui può sfruttare il fatto che il ghiaccio venga scalfito dai mio passaggio con i ramponi».

Quali ascese avete compiuto prima di toccare il record dei 4.563?

«Il 5 agosto abbiamo raggiunto le due creste del Breithorn, una delle montagne di confine che separano la Valle d’Aosta dalla Svizzera, nel tratto fra il Cervino e il gruppo del Rosa, rispettivamente a quota 4.160 metri. Il 2 settembre Punta Giordani a 4.046 metri, il 3 Piramide Vincent (4.215), Balmenhorn (4.167), Ludwigshohe (4.341), Punta Parrot (4.432) e Punta Gnifetti (4.554). Sulla pagina Instagram "nepalthewalf" trovate le foto di tutte le nostre avventure».

E le vostre prodezze non sono passate certo inosservate…

«Ci hanno contattato diversi sponsor. Alcune aziende che producono abbigliamento e attrezzature di montagna ci forniscono il materiale e contribuiscono a sostenere le nostre trasferte. Nepal ha addirittura una mascherina da sole personalizzata».

Oltre che bravo, Nepal è anche particolarmente bello…

«In effetti è anche campione italiano, croato e internazionale di bellezza. Finora si è aggiudicato diverse gare internazionali: 7 in Italia, 3 in Croazia, 2 in Slovenia, 2 in Austria e 1 in Germania».

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.