Alessandro Rossi (Orlandi)
Alessandro Rossi (Orlandi)

Lanzada (Sondrio), 1 ottobre 2019 - Sono stabili, ma sempre gravi, le condizioni di Alessandro Rossi, l’atleta di 18 anni, residente a Lanzada con la sua famiglia, che sabato sera è caduto dal tetto della passerella sul Mallero nella zona del Gombaro. Attualmente è ricoverato in coma farmacologico, una condizione che permette all’organismo di avere a suo favore maggiori risorse e favorisce il recupero del paziente. La decisione di indurre tale stato reversibile è stata dei medici dell’ospedale di Sondrio che hanno in cura il giovanissimo campione. Proprio nel nosocomio cittadino, infatti, Alessandro è stato trasportato sabato sera a seguito della caduta. Il giovane sembra stesse festeggiando, insieme ai suoi amici, l’ultima vittoria: una medaglia d’argento ai campionati italiani juniores di corsa in montagna conquistata ad Arco di Trento, in Trentino Alto Adige. Era sabato sera, Alessandro e i suoi amici si sono trovati in città per trascorrere la serata insieme in allegria, probabilmente ci si è messo di mezzo anche qualche bicchiere d’alcol di troppo e così si è fatta strada l’idea di camminare sul muro degli argini del torrente.

Arrivato davanti alla passerella Alessandro avrebbe provato ad arrampicarsi sul tetto ricoperto di lamiera. Qualcosa, però, è andato storto, forse questione di equilibrio o un piede in fallo, e il 18enne è precipitato per diversi metri (l’altezza, in quel punto, è di oltre 6 metri). Erano quasi le 23. Gli amici lo hanno visto cadere sul greto fatto di cemento e sassi che costeggia il torrente e poi, probabilmente a causa dell’adrenalina, muoversi e rialzarsi, tentare qualche passo e lasciarsi andare nuovamente a terra, privo di sensi. I giovani che erano con lui hanno allertato immediatamente i soccorsi, che li hanno raggiunti accompagnati dai Vigili del Fuoco e dai Carabinieri. Alessandro è stato, quindi, recuperato e trasportato in codice rosso al Pronto Soccorso. I suoi amici, intanto, testimoni dell’accaduto, sono stati ascoltati dai carabinieri per ricostruire la dinamica dell’incidente. Lo sportivo, come detto, attualmente è stato sottoposto a coma farmacologico, ma non sembra essere in pericolo di vita. Le lesioni sarebbero principalmente esterne. La speranza per la famiglia e tutto il paese di Lanzada è che Alessandro possa rimettersi a più presto. A dimostrazione del tifo che si è alzato verso il 18enne, ieri sulla pagina Facebook del Comune è apparso un messaggio a nome di tutta la comunità: «Questa è la tua gara più importante: forza Alessandro! Siamo tutti con te». Proprio su quella stessa pagina, pochi giorni fa, era stato pubblicato un messaggio di elogio per l’ennesima impresa sportiva del malenco (campione di corsa in montagna e anche di scialpinismo). La gara gli aveva permesso di guadagnarsi la convocazione ai campionati mondiali di Villa La Angostura, in Argentina.