Coppa del Mondo di sci
Coppa del Mondo di sci

Bormio, 22 dicembre 2020 - È incominciato il conto alla rovescia a Bormio per la due giorni di Coppa del Mondo di sci alpino di fine anno. Mancano ormai pochi giorni al via della doppia kermesse che caratterizzerà, come sempre, il periodo natalizio dell’alta Valtellina. Sulla splendida pista Stelvio, uno dei tracciati più belli e difficili del mondo dove vincono solo i campioni, gli uomini jet più forti al mondo sono pronti a dare spettacolo. 

Dopo il successo dei due giganti disputati a Santa Caterina Valfurva, ora la palla passa a Bormio per un’altra grande vetrina per la Valtellina, in primis, ma in generale per tutta la Lombardia e per tutte le sue eccellenze. Le due gare bormine rappresentano infatti per la Lombardia l’evento sportivo clou della stagione invernale e il secondo, per importanza, dietro solamente al GP di Formula 1 di Monza. La pista Stelvio è bella più che mai, grazie al lavoro degli uomini di Chicco Pedrini coordinati dai direttori di pista Omar Galli e Tino Pietrogiovanna, e sarà come sempre un teatro di gara impegnativo per i discesisti alla ricerca di un successo importante da mettere in bacheca. Due le gare in programma: la discesa libera del 28 dicembre, ormai una classica, e il SuperG del 29 dicembre.

L’evento è possibile grazie anche al grande supporto di Regione Lombardia che ha sempre creduto nella capacità della kermesse di veicolare al meglio nel mondo la sua immagine. "Ancora una volta, la Coppa del Mondo di sci torna a Bormio, sulla mitica pista Stelvio – dice Attilio Fontana, presidente di Regione Lombardia -. L’edizione 2020, così come le gare che si sono svolte a Santa Caterina Valfurva, sarà diversa rispetto a quella che tutti avremmo voluto apprezzare, preferibilmente di persona. E tuttavia, va dato atto che gli sforzi profusi dalla Fisi, da Bormio, dall’intero territorio valtellinese, insieme al supporto costante di Regione Lombardia, hanno permesso di organizzare – nel pieno rispetto delle norme di sicurezza e dei protocolli sanitari - una manifestazione agonistica così importante e impegnativa".

E ancora: "È un’ulteriore testimonianza concreta della voglia e della capacità della Lombardia di superare a tutti i costi questa fase così difficile. Assisteremo da casa allo spettacolo degli atleti che si sfidano su una pista vertiginosa, una delle più difficili di tutto il circuito della Coppa del Mondo di sci, in un panorama mozzafiato, reso ancora più bello dalle copiose nevicate degli ultimi giorni. Nell’attesa di poterci finalmente recare di persona a Bormio e di potere personalmente provare, chissà, una discesa sulla pista Stelvio, la pista dei Campioni!".