Per i ragazzi sestesi l’immaginazione si è rivelata uno strumento di autentica reazione
Per i ragazzi sestesi l’immaginazione si è rivelata uno strumento di autentica reazione

Sesto San Giovanni (Milano), 29 maggio 2020 - C’è la «Lettera ai nonni" di Beatrice, "La vera paura" di Emma, la "Ricerca della felicità" di Alessandro. L’Urlo ai tempi del Coronavirus, che trasporta il soggetto di Munch in un cinema vuoto, fuori da un’ambulanza, affacciato a una finestra, in una metropolitana deserta o con un metro per misurare il distanziamento. E poi esperimenti sull’alimentazione, l’universo e le sfere della Terra. Gli studenti dei Salesiani raccontano la loro quarantena e il loro tempo a casa in una serie di blog, che stanno raccogliendo lavori, opere d’arte, video e racconti.

«Le attività di didattica a distanza, che ogni settore delle Opere Sociali Don Bosco sta implementando, sono un’occasione per sviluppare competenze, abilità e creatività anche in questo periodo di lontananza – ha spiegato il direttore don Elio Cesari -. I ragazzi ogni giorno ci stupiscono". Sotto la supervisione del professor Tommaso Franchini, responsabile Didattica ed Educativo digitale, sono stati creati quattro minisiti tematici, portali che raccolgono quanto realizzato dagli alunni con l’obiettivo di condividerlo e renderlo disponibile al pubblico. Utilizzando Google Sites, i blog si popolano "di tanti sguardi e pensieri per continuare a essere comunità anche con presenza virtuale".

Si è partiti con "Scrittori si diventa", curato dal professor Luca Bonfiglio del dipartimento di Lettere. Poi è stata la volta di "Mani d’artista", supervisionato dalla professoressa Elisabetta Narducci e dalle docenti del dipartimento di Arte e Immagine Marta Fossati e professoressa Giulia Rossini. "Non è solo un blog: è una finestra su ciò che i ragazzi creano, sulle loro emozioni, sul loro mondo. Il disegno e la pittura sono uno strumento attraverso il quale rappresentano il loro sguardo su ciò che li circonda. Uno sguardo sempre personale".

Con la professoressa Sara Turconi è nato "English is the way" dal desiderio di condividere i lavori più originali e interessanti realizzati dagli studenti in lingua inglese. Infine, "Un mondo da scoprire", coordinato dalle professoresse Elisa Rovinelli e Sara D’Archi, dove vengono condivisi lavori ed esperimenti raccolti dai docenti di matematica e scienze che gli studenti hanno progettato per farci comprendere come queste materie siano riconoscibili tutti i giorni. "La curiosità è il motore della conoscenza e il linguaggio universale della scienza permette di essere comprensibile a tutti. In questo blog, i ragazzi ci guidano in un viaggio nel mondo delle scienze: dove le idee e le ipotesi diventano tesi e realtà".