Carabinieri (Foto di archivio)
Carabinieri (Foto di archivio)

Cologno Monzese (Milano), 8 luglio 2017 - Ha sparato dal balcone verso un gruppo di cittadini albanesi riuniti nel parco sotto casa sua, perché infastidito dal rumore, ferendone uno. L'uomo, un pregiudicato italiano di 50 anni, è stato quindi arrestato dai carabinieri con l'accusa di tentato omicidio. E' accaduto la notte scorsa in via Papa Giovanni XXIII a Cologno Monzese. Il gruppo era formato da otto persone ma solo una, un ragazzo di 27 anni, è stata raggiunta alla schiena da uno dei tre colpi esplosi, fortunatamente non in modo grave. Il giovane è stato portato in codice verde all'ospedale San Raffaele di Milano, dal momento che le ferite erano superficiali.

I carabinieri sono riusciti a individuare la traiettoria dei colpi e a fermare il 50enne, che è anche accusato di detenzione illecita di armi e ricettazione - la calibro 7,65 con cui ha sparato è infatti risultata rubata nel 1995 a Macerata - e di detenzione di droga ai fini di spaccio, dal momento che nell'appartamento i militari hanno trovato 46 grammi di hascisc e un bilancino di precisione. E non è escluso che, quando ha sparato, l'uomo fosse ubriaco e sotto effetto di droga: a stabilirlo saranno gli approfondimenti medici cui sarà sottoposto su disposizione degli inquirenti. Sempre nel corso della perquisizione, i carabinieri hanno trovato in casa 17 proiettili, due pugnali e due pistole da soft-air. Nelle prossime ore saranno ascoltati residenti nella palazzina, per ricostruire quanto successo e stabilire se, alla base del gesto del cinquantenne, vi siano problemi pregressi con il gruppo di giovani per schiamazzi notturni oppure se vi possano essere altre motivazioni.