Quotidiano Nazionale logo
18 apr 2021

Passione tennis, ma senza strafare

I successi di Sinner & C. hanno dato slancio a questo sport che però va praticato seguendo regole ben precise

roberto baldi

di Roberto Baldi Nel momento in cui lo sport italiano langue per corsi e ricorsi abituali e per le sopraggiunte insidie della pandemia, il tennis ha un sussulto di vitalità legato alle performances di giovanissimi come Sonego e Sinner (nella foto) che hanno ottenuto negli ultimi tempi risultati inattesi. E come sempre accade nell’arcipelago sport, ogni risultato dei protagonisti fa da traino all’intera disciplina con partecipazione più assidua, come confermano le statistiche. Il tennis, che ha tra le sue difficoltà i costi, presenta anche qualche insidia di natura atletica e di infortunistica se l’approccio non è quello dovuto. Nella preparazione generale di un tennista, il cui inizio si colloca in genere fra gli 8 e i 10 anni, le esercitazioni da eseguire preferibilmente sotto una guida esperta, si rivolgono al miglioramento delle capacità organiche e metaboliche oltre a quelle tecniche, non guardando al rendimento immediato ma a quello futuro, che si otterrà nella fase della massima prestazione sportiva. L’allenamento è rivolto essenzialmente allo sviluppo di potenza e precisione del tiro, rapidi cambi di direzione, stabilizzazioni e decelerazioni, tecniche specifiche al fine di migliorarne la padronanza esecutiva. Per il giocatore dilettante, che vuole riempire con la racchetta gli spazi del tempo libero, il criterio resta quello di acquisire questi elementi attraverso le partitelle settimanali cercando di tenere presenti le regole valide per ogni attività motoria: riscaldamento preliminare; evitare il sovraccarico con partite che non devono superare le due-tre settimanali; ove possibile non affrontare la gara con temperature troppo calde o troppo rigide; non disporsi alla partita nel dopo pasto immediato; bere a intervalli; per gli anziani privilegiare il gioco del doppio rispetto al singolo. Da ricordare che il tennis, secondo la classificazione proposta dal noto studioso Dal Monte, è un’attività a impegno aerobico-anaerobico alternato, dove si verificano brusche e variabili oscillazioni dell’intensità agonistica, alternate a ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?