Invia tramite email Condividi Condividi su Instagram Effettua l'accesso col tuo utente QN Il Giorno Tutte le ultime notizie in tempo reale dalla Lombardia il Resto del Carlino Tutte le notizie in tempo reale dall'Emilia Romagna e dalle Marche Il Telegrafo Tutte le news di oggi di Livorno La Nazione Tutte le notizie in tempo reale dalla Toscana e dall'Umbria QuotidianoNet Tutte le ultime notizie nazionali in tempo reale Tweet WhatsApp Canale YouTube
Cronaca Sport Cosa fare

EDIZIONI

Abbonamenti

Leggi il giornale

Network

Quotidiano.net il Resto del Carlino La Nazione Il Giorno Il Telegrafo

Localmente

Codici Sconto

Speciali

Rho, il Salumificio Citterio celebra i 140 anni: una lunga storia di bontà

L’azienda ha inventato il salame di Milano

di ROBERTA RAMPINI
Ultimo aggiornamento il 7 settembre 2018 alle 07:06
Il Salumificio Citterio si prepara a celebrare i 140 anni di attività

Rho (Milano), 7 settembre 2018 - Se la città di Rho è conosciuta in tutto il mondo lo si deve, senza ombra di dubbio, alla “Fabbrica di salumi Giuseppe Citterio”. È proprio qui che nel lontano 1870 il giovane Giuseppe Citterio apre la sua salumeria e inventa la straordinaria ricetta del salame di Milano per portare lontano sapori e tradizioni e raggiungere anche gli italiani che emigravano in America cercando fortuna. Anche se la produzione dei salumi è stata spostata a Santo Stefano Ticino, nella palazzina storica di corso Europa, interamente ricoperta da una vite del Canada che la rende caratteristica, a Rho è custodita la storia di una delle aziende di eccellenza dell’agroalimentare italiano. E anche qui, come nelle altri sedi, fervono i preparativi per festeggiare i 140 anni dall’apertura della prima fabbrica nel 1878.

"Il salame di Milano si chiama così - spiegano dall’azienda - perché nasce nella periferia milanese, il nome è legato alla sua origine. Questa è una visione che guida ancora oggi l’azienda e il suo sviluppo industriale. Da sempre Citterio lavora e produce i suoi principali salumi nei rispettivi territori d’origine, nel rispetto e in difesa dei principi regolati dai marchi Dop e Igp, rafforzando il legame tra il territorio e le sue ricette tradizionali. È per questo che oggi Citterio conta sette stabilimenti in diverse regioni". I segreti di tanto successo? La bontà del prodotto e l’intuizione di rendere continua una produzione che fino a quel momento seguiva cicli stagionali.

Oggi il salame di Milano viene prodotto a Santo Stefano Ticino seguendo ancora l’antica ricetta tramandata da generazioni. Legato a mano e lentamente stagionato con fermentazione naturale, si ottiene un prodotto dal colore rosso rubino, con grana di grasso dalle dimensioni di un chicco di riso, profumo caratteristico, sapore pieno e delicato e consistenza compatta. In attesa degli eventi per celebrare questo importante traguardo, ecco un aneddoto: nel 1881 il salame di Milano conquista un importante riconoscimento all’Esposizione Nazionale di Milano, nel 2015 invece viene scelto per rappresentare la salumeria italiana ad Expo, all’interno del Padiglione Italia.

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all'uso dei cookie.