Guglielmo Epifani
Guglielmo Epifani

È morto a 71 anni  l'ex leader della Cgil e ex segretario del Pd, Guglielmo Epifani, deputato di Liberi e Uguali. Domani nelle sedi del Partito democratico, in segno di lutto, ci saranno le bandiere a mezz'asta. 

Epifani era stato segretario generale della Cgil dal 2002 al 2010, succedendo a Sergio Cofferati del quale era stato il vice dal 1994 al 2002. Fu il primo segretario della Cgil non proveniente dall'area del Pci, bensì da quella socialista, essendo stato a lungo iscritto al Psi. Conclusa l'esperienza sindacale, cominciata subito dopo la lauera nel 1974, Epifani aveva intrapreso quella parlamentare candidandosi alla Camera per il Partito democratico alle elezioni politiche del 2013. Eletto deputato, poche settimane dopo diventa segretario reggente del Pd, in seguito alel dimissioni di Pierluigi Bersani. Nel Partito Democratico, Epifani resta fino al 2017, quando in contrasto con la linea Renzi lascia il partio per aderire prima ad Articolo 1 e poi a Liberi e Uguali, partito con cui viene rieletto alla Camera alle Politiche del 2018 e per cui era dunque parlamentare in carica. L'ultimo suo intervento in aula a Montecitorio risale al 20 maggio scorso, un ricordo commosso di un altro riformista, Massimo D'Antona, vittima delle Brigate Rosse.

Il cordoglio del mondo politico

Tra i primi messaggi di cordoglio, quello del ministro della Cultura e compagno di partito ai tempi del Pd, Dario Franceschini. "Ciao Guglielmo - ha scritto su Twitter - uomo forte, gentile, colto, paziente e intransigente. Un dolore per tutti noi, e siamo tanti, che ti abbiamo voluto un grande bene". Affida a Twitter il suo ricordo anche David Sassoli, presidente del Parlamento europeo: "Gentile, rigoroso, colto, appassionato, sempre disponibile a battersi per una società più giusta. Addio a Guglielmo Epifani. Il sindacato, la politica, il Paese perdono un protagonista". L'attuale segretario del Pd, Enrico Letta, appresa la notizia ha interrotto la riunione in corso proprio con i sindacati confederali Cgil, Cisl e Uil. "Una giornata tristissima - ha commentato - una notizia drammatica, abbiamo interrotto la riunione per rispetto della sua memoria. Epifani è stato leader del sindacato e segretario del Pd in un momento difficile. Alla sua famiglia esprimo il cordoglio di tutti i democratici e di tutte le democratiche''. A ricordare Epifani è anche un altro leader storico del Pd, Piero Fassino: L"a morte di Guglielmo Epifani mi addolora profondamente, perdo un amico e compagno con cui ho vissuto anni di comune impegno politico. Esprimo i miei sentimenti di vicinanza ai familiari e ai tanti che hanno condiviso con lui impegno, ideali e passione civile. Epifani - continua Fassino - è stato un protagonista della storia sindacale e politica, contribuendo all'affermazione dei diritti del mondo del lavoro e alla crescita democratica del nostro Paese. Mancherà a molti e a coloro che, nel confronto democratico nel sindacato e in Parlamento, anche su posizioni diverse, ne hanno sempre apprezzato l'acuta intelligenza, l'apertura al dialogo e il senso del bene comune. Scompare un appassionato uomo di sinistra, fiero di esserlo e sempre dalla parte dei più deboli e dei senza diritti". L'attiale leader della Cgil, Maurizio Landini, ha detto che "la morte di Guglielmo Epifani è una pessima notizia, per la Cgil è una mancanza molto grave. Guglielmo ha dato la sua vita alla Cgil e al sindacato. In questo momento - ha aggiunto - siamo vicini alla moglie e vedremo come organizzare nel modo migliore un suo ricordo". "Il suo impegno, esperienza e storia rimarranno per sempre per la Cgil come esempio di cosa vuol dire essere un dirigente sindacale".

L'omaggio degli avversari

Anche un avversario come Matteo Salvini, segeratario della Lega, ha mandato un messaggio di cordoglio: "Apprendo con tristezza della improvvisa scomparsa di Guglielmo Epifani, storico leader del sindacato e della sinistra. Invio il mio sincero cordoglio ai suoi cari e alla sua famiglia politica". Sulla stessa lunghezza d'onda Giorgia Meloni, leader di Fratelli d'Italia: "La notizia della morte di Guglielmo Epifani mi colpisce e mi addolora. Eravamo su posizioni politiche diverse ma ho sempre apprezzato la sua passione, la sua competenza e la sua capacità di confrontarsi. Se ne va una persona stimabile e perbene. Alla famiglia e ai suoi cari il cordoglio e la vicinanza mia e di tutta Fratelli d'Italia". Silvio Berlusconi ha ricordato Epifani con un post su Facebook: "Ha saputo guidare con equilibrio e generosità, in un momento difficile e di grandi cambiamenti per il mondo del lavoro, la Cgil. Con quello stesso spirito di servizio ha poi traghettato il Pd e proseguito la sua azione politica con LeU. Non ho condiviso molte delle sue idee, ma lo ricordo come un leader socialista leale e rigoroso. Un abbraccio affettuoso alla sua famiglia e a chi ha condiviso un tratto della sua strada terrena nel sindacato o in Parlamento".