Quotidiano Nazionale logo
11 dic 2021

Il vino dell’Oltrepo riscuote successo all’estero

In testa all’hit parade delle richieste gli spumanti metodo classico. Il produttore Fabiano Giorgi: fuori Italia conta solo la qualità

pierangela ravizza
Economia
Fabiano Giorgi con il conduttore televisivo pavese Gerry Scotti Insieme gestiscono una produzione vitivinicola
Fabiano Giorgi con il conduttore televisivo pavese Gerry Scotti Insieme gestiscono una pro

Broni (Pavia) - La riscossa dell’Oltrepo vitivinicolo parte (anzi è già partita) dall’estero. Lo conferma Fabiano Giorgi, presidente del Distretto del Vino (un centinaio di aziende associate) e dell’Enoteca Regionale di Broni nonché imprenditore con la sua azienda che conduce assieme a papà, sorella e moglie. "All’estero – ci dice – apprezzano molto la qualità e non collegano necessariamente il prodotto al territorio il cui blasone è stato un po’ offuscato da recenti vicende. Risultato? Il vino e gli spumanti dell’Oltrepo sono sempre più richiesti negli Usa, ma anche in Spagna e Germania. Un po’ meno nell’est Europa e come nuova frontiera anche in Africa e Giappone mentre è un po’ più complicato in Cina". In testa alla hit parade delle richieste gli spumanti metodo classico che, spesso e volentieri, vincono la sfida con gli champagne e un vino rosso tipico come il Sangue di Giuda. "Anche alcuni vini fermi come il Buttafuoco Storico – aggiunge Giorgi – hanno un buon mercato". A gennaio parte anche una missione americana da parte del direttore del Consorzio Tutela Vini Oltrepo, Carlo Veronese. Ma lo stesso Fabiano Giorgi avverte: "Attenzione, però, perché per essere forti all’estero, bisogna esserlo anche in Italia. E quindi riuscire ad imporsi anche fuori dalla Lombardia". La sua azienda grazie anche ad una rete consolidata di ben 160 agenti ed una collaudata partnership con Gerry Scotti, ci riesce. Altri ci stanno provando con voglia di fare bene e capacità. Come, ad esempio, da parte dei quattro “messaggeri del vino“ recentemente premiati al concorso ideato da Valerio Bergamini e sponsorizzato dall’azienda Giorgi.
Quattro giovani sotto i 38 anni, fra cui due donne: Chiara Torti, Flavia Marazzi e con loro Alberto Fiori e Davide Rovati. Sono il futuro sulle orme dei testimoni e custodi del passato pure premiati, ovvero Francesco Quaquarini (88 anni) e Lino Maga (90 anni), autentici pionieri del vino made in Oltrepo. Quaquarini conduce ancora la sua azienda, assieme ai figli Umberto e Maria Teresa, una delle prime in Italia ad aver ottenuto, nel 2003, la certificazione bio. Lino Maga fraterno amico di personaggi come Giuan Brera, Luigi Veronelli e Mario Soldati, è il custode unico e riconosciuto del pregiato vino Barbacarlo.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?