L’assessore ai Servizi Cimiteriali di Pavia Barbara Longo: «Inaccettabile che una famiglia debba aspettare così a lungo per dare degna sepoltura al proprio figlio»
L’assessore ai Servizi Cimiteriali di Pavia Barbara Longo: «Inaccettabile che una famiglia debba aspettare così a lungo per dare degna sepoltura al proprio figlio»

Da un dolore enorme e una soluzione che il Comune di Pavia non è riuscita a trovare, nasce uno spiraglio: le persone di religione islamica potranno essere sepolte al cimitero di Fossarmato. Lo ha promesso l’assessore ai Servizi Cimiteriali Barbara Longo, affranta per la morte del piccolo Emil, 8 anni, originario dell’Azerbaigian, che viveva in una comunità per richiedenti asilo di Cozzo. Per il bambino non c’era posto né a Vigevano, né a Pavia: è stato portato a Cremona. "Queste cose non devono più accadere – dice Longo –. Vedrò se sarà possibile fare un nuovo campo al cimitero monumentale, ma il Pgt lo prevede a Fossarmato". Per chi è di fede islamica a S. Giovannino esiste un’area dove le salme sono tutte adagiate con il volto verso la Mecca. "Chi è di religione musulmana – conclude l’assessore – viene inumato e mai esumato, per cui il campo è pieno. Cercheremo di crearne un altro".