Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
20 feb 2022

Terre d’Oltrepò, nel CdA adesso domina Casteggio

L’assemblea dei soci ratifica e rinforza la sfiducia nei vertici precedenti. Bosini e Bardone in “pole“ per la presidenza. Il marchio La Versa non si tocca

20 feb 2022
pierangela ravizza
Cronaca
Il presidente sfiduciato Andrea Giorgi non è riuscito a conquistare un posto nel CdA
Il presidente sfiduciato Andrea Giorgi non è riuscito a conquistare un posto nel CdA
Il presidente sfiduciato Andrea Giorgi non è riuscito a conquistare un posto nel CdA
Il presidente sfiduciato Andrea Giorgi non è riuscito a conquistare un posto nel CdA
Il presidente sfiduciato Andrea Giorgi non è riuscito a conquistare un posto nel CdA
Il presidente sfiduciato Andrea Giorgi non è riuscito a conquistare un posto nel CdA

di Pierangela Ravizza Tutto secondo copione, anche nei numeri. Il nuovo CdA di Terre d’Oltrepò riflette (anzi migliora) la consistenza numerica dei soci (310) che avevano votato la mozione di sfiducia al precedente organismo esecutivo. Undici eletti con oltre 300 voti (record di Giulio Romanini, di Borgo Priolo, con 352) ed uno appena sotto. “Doppiato“ l’ex presidente Andrea Giorgi che non entra in CdA e che ha ottenuto 144 consensi, più o meno sulla stessa linea (153) di chi aveva votato contro la mozione di sfiducia. Insomma, la “svolta“ di gennaio è stata ampiamente ratificata dall’assemblea dell’altro ieri. "Credo molto nel valore dell’assemblea e se questa ha sancito che Giorgi non debba più essere il presidente, ne prendo serenamente atto", ha detto Andrea Giorgi. I consiglieri per il prossimo triennio saranno: Emilio Bosini, Enrico Bardone, Giulio Romanini, Daniele Gabetta, Walter Dellabianca, Mario Cocchi, Antonio Morini, Davide Cristina, Andrea Boni, Carlo Guarnaschelli, Stefania Covini, Davide Scabini e Alberto Cazzulani (quest’ultimo membro di diritto in rappresentanza di Confcooperative). Una rappresentanza delle diverse aree di produzione dei soci anche se – in termini di consensi – c’è una più marcata affermazione del Casteggiano rispetto a Broni e soprattutto alla Valle Versa. Mercoledi prossimo, alle 10, il CdA si riunirà per nominare presidente e vice presidente. In pole position ci sono il bronese Emilio Bosini, socio storico, con un passato anche come consigliere comunale a Broni ed il casteggiano Enrico Bardone, già amministratore delegato di Snamprogettibiotecnologie SpA (Gruppo Eni) e titolare di un’azienda viticola. Sarà, stando alle indiscrezioni, una diversa impostazione rispetto alla precedente perché l’obiettivo è quello di avere un super manager come direttore generale e comunque anche il vice presidente avrebbe importanti deleghe. Smentite possibili e immediate “rivoluzioni“ e non ci sarà la vendita del marchio “La Versa“: "fondamentale per valorizzare la qualità e ...

© Riproduzione riservata

Stai leggendo un articolo Premium.

Sei già abbonato a Quotidiano Nazionale, Il Resto del Carlino, Il Giorno, La Nazione o Il Telegrafo?

Subito nel tuo abbonamento:

Tutti i contenuti Premium di Quotidiano Nazionale oltre a quelli de Il Giorno, il Resto del Carlino, La Nazione e Il TelegrafoNessuna pubblicità sugli articoli PremiumLa Newsletter settimanale del DirettoreAccesso riservato a eventi esclusivi
Scopri gli altri abbonamenti online e l'edizione digitale.Vai all'offerta

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?