Quotidiano Nazionale logo
12 mag 2022

Sul palco del Teatro Sociale i suoi abiti in mostra. E domina il rosso

Fino al 5 giugno si possono ammirare anche bozzetti, disegni, schizzi, ritagli di giornale, fotografie e documenti

La Giunta di Voghera al piedi del palco con alle spalle gli abiti di Valentino
La Giunta di Voghera al piedi del palco con alle spalle gli abiti di Valentino
La Giunta di Voghera al piedi del palco con alle spalle gli abiti di Valentino

Un traguardo da festeggiare raccontando una figura unica che in 50 anni di carriera ha definito uno stile e una personale idea di bellezza, li ha declinati in infinite forme, li ha saputi sempre rendere rilevanti per il contemporaneo introducendo in quel contemporaneo un’idea di futuro e ha costruito un sistema di segni oggi più vivo e multiforme che mai, anche grazie al lavoro di Pierpaolo Piccioli. Voghera racconta Valentino Garavani e lo fa al Teatro Sociale di Voghera.

Il fondatore della Maison Valentino, l’ultimo imperatore della moda, Valentino Garavani, compie 90 anni. Per l’occasione, La Maison Valentino ha realizzato una felpa in edizione limitata con una sua celeberrima frase sulla bellezza. Valentino Garavani, nato a Voghera l’11 Maggio 1932 e noto a tutti semplicemente come Valentino, in un mondo, quello della moda, dove la rimozione del cognome è un tributo riconosciuto ai soli geni capaci di entrare nell’immaginario collettivo in maniera così pervasiva da renderlo superfluo, compie 90 anni. Nel Teatro Sociale di Voghera si trova un’installazione site specific popolata dalle creazioni che Valentino ha realizzato dagli anni ‘60 a tutti gli anni 2000. Sul palco una selezione di abiti rossi, il segno più potente, riconoscibile e riconosciuto, il colore che ha preso il nome del suo ideatore. Spettacolo monocromo a cui dai palchi rispondono 36 abiti provenienti dall’archivio, florilegio di stili che hanno saputo ognuno incarnare lo spirito del proprio tempo.

Una metafora in cui le donne di Valentino sono attrici e spettatrici insieme, senza differenze, tutte appartenenti a una visione globale che rappresenta un’idea totale di bellezza e di femminilità, in cui ogni soggetto si trova sullo stesso piano. Accanto agli abiti: bozzetti, disegni, schizzi, ritagli di giornale, fotografie e documenti che restituiscono al visitatore lo spirito del tempo in cui quegli abiti sono stati mostrati per la prima a volta al mondo e ricostruiscono grazie a racconti minimi come il mondo li ha accolti e percepiti. La felpa Valentino Happy Birthday Mr. V, in edizione limitata, riporta in rosso la celebre massima di Valentino Garavani ‘I love beauty, It’s not my fault’, icastico e ironico riassunto di tutto un approccio alla moda, e, certamente, alla vita. Un inno che molte celebrità hanno apprezzato scegliendo gli abiti dello stilista per i loro red carpet o le loro apparizioni.

Tra le creazioni in esposizione anche un abito cucito da una premier (sarte che lavorano negli atelier di alta moda e sono coloro che trasformano un disegno in creazione) di Voghera. Sul palco un abito indossato da Sophia Loren, un altro che ha portato Anne Hathaway e altri da Claudia Schiffer, una delle modelle più amate da Valentino. In mostra sono diversi gli abiti indossati dalla top model. La mostra è visitabile fino al 5 giugno.

Manuela Marziani

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?