Quotidiano Nazionale logo
Quotidiano Nazionale logo
il Giorno logo
21 giu 2022
21 giu 2022

Siccità Pavia: furti di acqua notturni per alimentare le risaie

Deviati i corsi a monte, i terreni a valle restano senza liquido: è guerra fra poveri

21 giu 2022

Una guerra fra poveri. La siccità che affligge la Lombardia e che sta allungando le ombre di una pesante crisi sul comparto dell'agricoltura ha anche l'effetto di mettere l'uno contro l'altro gli occupati nel settore primario. Alcuni risicoltori nel Pavese, uno dei distretti più importanti d'Europa, di notte sollevano con le idrovore a monte l'acqua nei canali e a qualcuno, a valle, non arriva più. La "deviazione" del corso del bene più prezioso, nel momento in cui la siccità sta diventando una condanna senza appelli con la perdita del raccolto, è riferita all'Agi dal sindaco di Robbio, Roberto Francese, e da Giovanni Comello del consorzio irrigazione est Sesia a Castelnovetto, un piccolo Comune della Lomellina.

"E' Far west - dice Comello - Al momento non c'è stata nessuna denuncia perché la vigilanza della zona è prevista solo di giorno mentre questi episodi avvengono di notte o alla domenica. E' difficile accettare che quest'anno non ci sarà il raccolto ma io credo che ormai sia una prospettiva inevitabile e vada accettata. Ora è il momento in cui si cercano i colpevoli ma il problema principale è che manca la materia prima. Niente pioggia, niente neve. L'acqua per tutti non c'è". Francese, il primo cittadino di Robbio, paese al centro del triangolo del riso (Pavia, Vercelli, Novara), parla di "guerra dell'acqua in una situazione disperata che può essere risolta con la pianificazione di interventi nel lungo periodo". 

 "Il riso sta iniziando a morire - afferma il primo cittaidno - I nostri agricoltori sono impegnati a cercare di salvare il nostro prodotto d'eccellenza ma la situazione è tragica, una siccità così non si era mai vista. Tra pochi giorni moriranno tutte le coltivazioni. Noi come Comune abbiamo fatto una delibera di giunta per chiedere tutti i provvedimenti possibili per poter salvare il raccolto. Visto che la pioggia non arriva, bisogna provvedere con l'apertura delle dighe e con l'arrivo dell'acqua nei punti più alti. Nel medio lungo periodo occorre creare dei bacini di accumulo dell'acqua da poter usare nei momenti di siccità e un altro provvedimento importante sarebbe quello di imboschire tutte le fasce fluviali e non coltivarle in maniera massiva".

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?