Quotidiano Nazionale logo
29 dic 2021

Dorno, ladri di targhe arrestati grazie ai residenti

Recuperati anche tre mezzi risultati rubati

stefano zanette
Cronaca
I carabinieri hanno fatto scattare le manette
I carabinieri

Banda di ladri di targhe in azione, con due arresti in flagranza dei carabinieri. E recuperati 3 mezzi rubati e altre due paia di targhe appena svitate da auto in sosta. I militari del Radiomobile della Compagnia di Vigevano erano stati inviati a Dorno, in via Suor Ermanna Patron, per segnalazioni di residenti alla centrale operativa, per sospetti movimenti per strada, nella nottata tra lunedì e martedì. La banda era con tutta probabilità composta anche da altri complici, che sono riusciti a fuggire prima dell’arrivo dei carabinieri. Arrestati in flagranza Valentin Ilie, 21 anni, e Ionut Ghimpu, 26 anni, entrambi romeni senza fissa dimora. Mentre il 26enne è incensurato, il 21enne è risultato colpito anche da un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa lo scorso ottobre dal Tribunale di Milano, per violazioni a obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria. Entrambi sono accusati di furto, ricettazione e porto di attrezzi atti allo scasso. Uno cercava di nascondersi sotto uno dei mezzi rubati, mentre il complice è stato sorpreso proprio mentre stava sostituendo le targhe a un furgone Renault Express appena rubato nella vicina via San Bartolomeo. Oltre a questo furgone, i carabinieri hanno anche recuperato un altro furgone Renault Master rubato a Erba (Como) lo scorso 18 dicembre, ma con applicate le targhe di una Toyota Yaris rubata invece a Verdello (Bergamo) la vigilia di Natale. E una Fiat Punto, rubata il 24 dicembre a Zingonia (Bergamo) con le targhe di una Ford Fiesta rubata a Parabiago (Milano) il giorno dopo. A Dorno, nella vicina via Ferraris, avevano invece appena rubato le targhe a una Ford Ka e a una Renault Clio. Le targhe e i mezzi recuperati sono stati restituiti ai legittimi proprietari, mentre gli arrestati sono stati portati in carcere a disposizione dell’autorità giudiziaria.
 

© Riproduzione riservata

Iscriviti alla newsletter.

Il modo più facile per rimanere sempre aggiornati

Hai già un account?