Una manifestazione  organizzata nei mesi scorsi (Torres)
Una manifestazione organizzata nei mesi scorsi (Torres)

Retorbido, 16 novembre 2016 - È stato approvato l’emendamento ‘anti-pirolisi’. E i sindaci del territorio e il Comitato per il No all’inceneritore che ieri erano presenti al Pirellone e che per due anni hanno battagliato contro il progetto dell’impianto di smaltimento degli pneumatici di Retorbido, tirano «un sospiro di sollievo – commenta il primo cittadino del paese oltrepadano, Isabella Cebrelli –. Ora aspettiamo il diniego della commissione tecnica, ma non dovrebbero più esserci problemi». Infatti, ieri il Consiglio regionale ha votato la proposta di legge numero 308, denominata ‘Riorganizzazione del sistema lombardo di gestione e tutela delle aree regionali protette e delle altre forme di tutela presenti sul territorio’. All’articolo 11 era stato presentato un emendamento, il numero 1, annunciato pochi giorni fa dall’assessore regionale all’Ambiente Claudia Terzi che, con l’approvazione, avrebbe inciso sul progetto dell’impianto di pirolisi. Progetto il cui iter autorizzativo è tuttora in corso e al vaglio di tecnici regionali: l’emendamento però prevede che le norme che impediscono l’insediamento di certe tipologie di impianto nei corridoi ecologici regionali, siano retroattive e valgano anche per le valutazioni in corso. L’emendamento è stato approvato all’unanimità da 53 votanti, la legge è stata approvata con 41 voti favorevoli su 63 totali. 
 
E l'assessore Terzi a margine ha assicurato al Comitato che «sarà pubblicata per tempo», perché è stata riconosciuta l’urgenza. Soddisfatto Marco Dapiaggi del Comitato per il No: «Felici con cautela. Si tratta di un passo importante, confidiamo che possa essere davvero applicato alle istanze autorizzative in corso». E aggiunge: «Attendiamo il decreto di diniego del progetto. La scadenza è sabato. Ma abbiamo avuto l’assicurazione che il testo sarà pubblicato per tempo». Oltre al sindaco Cebrelli, a Dapiaggi e a numerosi rappresentanti del Comitato per il No, ieri hanno partecipato alla seduta anche il sindaco di Rivanazzano Romano Ferrari e i candidati al ballottaggio di Voghera Carlo Barbieri e Pier Ezio Ghezzi.