Pavia, 11 aprile 2018 - «I reati più comuni, quelli di criminalità diffusa, sono rimasti stabili o in alcuni casi diminuiti. Ciò è motivo di soddisfazione, ma è anche un nuovo punto di partenza per non abbassare la guardia e migliorare soprattutto l’attività di contrasto dei reati predatori, nell’ottica di aumentare la percezione di sicurezza individuale, bene immateriale che però molto incide sulla qualità della vita nelle nostre città».

Il questore di Pavia, Andrea Valentino, ha commentato così i dati dei reati nella cerimonia, ieri mattina nell’aula magna del collegio Ghislieri, per il 166esimo anniversario di fondazione della polizia. Dall’1 aprile 2017 al 31 marzo di quest’anno il totale dei reati avvenuti in provincia di Pavia è stato di 20.642, contro i 22.409 dello stesso periodo nell’anno precedente (dall’1 aprile 2016 al 31 marzo 2017). Il totale dei furti, sempre negli stessi periodi di riferimento, è sceso da 12.429 a 10.451, con una diminuzione dei furti in abitazione (da 2.967 a 2.711), in esercizi commerciali (dal 807 a 700) su auto in sosta (da 2.029 a 1.450) e di auto (da 625 a 529), mentre sono aumentati da 77 a 113 i furti con strappo. Diminuite anche le rapine (da 175 a 146), mentre sono aumentate le truffe e frodi informatiche (da 894 a 953) e i danneggiamenti (da 3.934 a 4.114). A sintetizzare l’attività svolta dalla polizia nell’ultimo anno, oltre al suggestivo filmato (realizzato dal Gabinetto di polizia scientifica), i numeri delle 71.888 persone identificate, delle 126 arrestate e delle 1.780 denunciate in stato di libertà.

E i premi al personale che si è distinto in servizio: encomio alla squadra Mobile (Francesco Garcea, Claudio Spampinato, Andrea Lenoci e Francesco Nuccio), lodi ad Alessandro Musco (Digos), alle Volanti (Gianluca Lombardo, Cristiano Valli e Angelo Virone), a Pasquale Bencivenga (Stradale), al Reparto prevenzione crimine Lombardia (Claudio Parimbelli e Salvatore Micciulla), alla Stradale (Roberto Dalla Zanna e Roberto Pace) ed encomio a Giuseppe Santa Maria (Commissariato di Voghera). Riconoscimenti consegnati anche agli alunni dell’Ipsia «Luigi Cremona» di Pavia, della scuola secondaria «Marie Curie» di San Martino Siccomario e della primaria «De Amicis» di Pavia. Attestati di riconoscimento anche a Piermario Quaglia e Achille Romeo, due cittadini che dopo aver subìto reati hanno chiamato la polizia e fatto catturare i responsabili.